Fact Checking

Vacanze italiane 2020. I dati di Confturismo

vacanze

La salute del turismo italiano migliora ma solo un po’, nessuna svolta rassicurante secondo i dati dell’Osservatorio Confturismo-Confcommercio e Swg di luglio

L’estate 2020 è all’insegna delle vacanze nel Belpaese, soprattutto per gli italiani. Chi si fa sentire è l’assenza dei turisti stranieri, ad eccezione di una piccola percentuale di europei. “In epoca normale – ha commentato il presidente di Confturismo-Confcommercio, Luca Patanè – il quadrimestre giugno-settembre valeva il 60% delle presenze turistiche e della spesa di tutto l’anno in Italia: senza contare l’outgoing, dove gli Italiani spendevano, nello stesso periodo, 11,5 miliardi di euro. Di tutto questo, l’estate 2020 salverà – forse – il 25%”.

L’ESTATE ITALIANA DEGLI ITALIANI

Secondo i dati di luglio raccolti dall’Osservatorio Confturismo-Confcommercio e da Swg, gli italiani spenderanno nel proprio Paese una media di 1.022 euro a famiglia, circa 680 euro a persona. Il 20% però non prenota per problemi economici e disponibilità di ferie. Quest’anno le vacanze saranno dedicate al “non fare”: al primo posto ci sono il riposo e il contatto con le persone care, mentre solo agli ultimi posti delle preferenze troviamo visite ai musei, monumenti e mostre, che scendono dal 33% dello scorso anno al 15%; lo shopping che precipita dal 21% al 5% e il wellness che passa dal 12% al 9%.

NIENTE “BIG SPENDER”

Quest’anno i grandi assenti saranno i turisti stranieri. Tra giugno e settembre, saranno infatti circa 25 milioni in meno rispetto all’anno scorso e praticamente solo di origine europea, con una perdita quindi nell’ordine del 75% dei flussi e ancora più alta per la spesa, visto che a mancare saranno i “ricchi” turisti intercontinentali americani e asiatici.

VACANZE IMPROVVISATE (E INCERTE)

Sale a quota 65 – 3 punti in più rispetto a giugnol’indice di fiducia che misura la propensione degli italiani ad andare in vacanza, ma a smorzare l’entusiasmo per questo piccolo segnale compaiono due fattori. Il confronto col passato, dove l’indice, nello stesso periodo dello scorso anno, si attestava a quota 72, quindi ben 7 punti più, e il numero degli incerti: il 34% degli intervistati intenzionati a partire entro settembre non aveva ancora prenotato a fine luglio mentre un ulteriore 8% addirittura non intende farlo e punta a trovare una sistemazione direttamente sul luogo. Un atteggiamento “attendista” che fa sorgere molti dubbi sul fatto che questa “voglia di vacanze” si concretizzi davvero in una o più partenze.

A RISCHIO 1 MILIONE DI POSTI DI LAVORO

“Tutto questo mentre l’andamento degli indici epidemiologici ed i focolai individuati a macchia di leopardo sul territorio nazionale, fanno notizia molto più dell’egregio lavoro che operatori del settore e comunità locali compiono ogni giorno per garantire ai turisti una fruizione serena delle loro vacanze. Basta con questo approccio autolesionistico – ha continuato Patanè – e al via da subito una serie di misure importanti e con forti stanziamenti dedicati al settore. Si prenda atto, una volta per tutte, che il turismo è già da tempo colonna portante dell’economia italiana, non una vaga chance per il futuro. Sono concretamente a rischio 1 milione di posti di lavoro”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore