Insider

Bonus rubinetti, cos’è, come richiederlo e a chi spetta

Bonus rubinetti

Credito d’imposta al 50% a favore dell’acquirente di nuovi sistemi di filtraggio, depurazione e mineralizzazione. Ecco cos’è il bonus rubinetti

Tra i tanti bonus previsti dalla Legge di Bilancio 2021 ce ne è uno, particolarmente chiacchierato e criticato, a uso e consumo di una platea di contribuenti particolarmente vasta. È il bonus rubinetti. A tale misura con l’ultima finanziaria il governo di Giuseppe Conte ha destinato 10 milioni di euro che andranno suddivisi nel biennio 2021-22.

COS’È IL BONUS RUBINETTI

Il bonus rubinetti si sostanzia in un credito d’imposta al 50% a favore dell’acquirente di nuovi sistemi di filtraggio, depurazione e mineralizzazione (inclusi quelli che consentono il raffreddamento o l’aggiunta di anidride carbonica alimentare E 290) dell’acqua corrente. Da non confondere col bonus idrico che prevede un finanziamento di mille euro ai primi 20mila che lo richiederanno e consiste nell’agevolazione per la sostituzione di vasi sanitari in ceramica con nuovi a scarico ridotto, ma anche rubinetteria sanitaria e pigne per la doccia.

CHI NE HA DIRITTO?

Il bonus rubinetti, la cui finalità è ambientalista (diminuire da un lato lo spreco dell’acqua e dall’altro la circolazione delle bottiglie di plastica) richiede di trasmettere comunicazione all’Enea sulle spese sostenute, mentre restano per ora da chiarire le altre modalità di adesione.

Potranno richiedere il bonus i privati, partite iva esercenti attività d’impresa, arti e professioni, partite iva esercenti attività di somministrazione di cibi e bevande ed enti non commerciali, compresi gli enti del Terzo Settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti. Attenzione però ai differenti limiti di spesa previsti dalla normativa che istituisce il bonus rubinetti: mille euro per i privati e fino a 5mila euro per gli esercizi pubblici.

Leggi anche: Legge di bilancio, 1 miliardo e più per agricoltura, pesca, acquacoltura, filiere e investimenti infrastrutturali

Questo vuol dire che se è un privato a cambiare i rubinetti della propria abitazione ed effettua una spesa pari o superiore a mille euro avrà diritto alla titolarità di un credito di imposta dal valore massimo di 500 euro, mentre il commerciante o l’imprenditore che effettui l’installazione di nuovi sistemi di filtraggio, depurazione e mineralizzazione dell’acqua corrente godrà di un bonus fiscale massimo di 2.500 euro. Questo quanto è stato previsto per gli esercizi commerciali e le aziende dalla Legge di bilancio 2021.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore