[hfcm id="2"]
skip to Main Content

Chi è Antonella Polimeni, possibile scelta del governo Draghi per università e ricerca

Chi è Antonella Polimeni

Già preside della Facoltà di Medicina e Odontoiatria, è stata la prima donna a essere eletta rettrice dell’Università La Sapienza di Roma, ora se ne parla per il governo Draghi. Chi è Antonella Polimeni?

Antonella Polimeni è stata eletta lo scorso novembre con oltre il 60% dei voti rettrice dell’Università La Sapienza di Roma. È la prima donna a ricoprire questo incarico in uno degli atenei più antichi e prestigiosi, ma anche del più grande d’Europa. La Sapienza, fondata nel 1303, conta 11 facoltà, 120 mila studenti ogni anno di cui 8 mila stranieri e oltre 4.700 tra professori e ricercatori. Sarà lei a succedere al ministro Gaetano Manfredi al dicastero dell’Università e della Ricerca nel nuovo governo Draghi?

CHI È ANTONELLA POLIMENI

Antonella Polimeni, 58 anni, già preside della Facoltà di Medicina e Odontoiatria è specializzata in odontostomatologia. Quando era studentessa è stata rappresentante, prima di diventare preside di facoltà e poi rettrice, è stata componente del nucleo di valutazione e consigliera di amministrazione. Conosce bene il funzionamento della Sapienza e chi sa com’è fatta “ne sottolinea il piglio manageriale e la visione programmatica”, scrive Repubblica.

Dopo la nomina ha dichiarato: “La pandemia ha messo un faro su istruzione, ricerca e salute. Mi auguro che il Recovery Fund allochi anche fondi per azioni mirate in tema di occupazione femminile”

Polimeni è autrice di oltre 470 pubblicazioni su riviste nazionali e internazionali, di 6 manuali – di cui uno in inglese – e di 2 monografie. Ha curato il manuale di odontoiatria clinica di David e Laura Mitchel, l’edizione italiana di un testo atlante e le linee guida del ministero della Salute.

Per la rettrice al centro dello sviluppo c’è l’ascolto, nel suo caso, di tutti gli studenti e delle proposte volte a migliorare l’Università, come scrive nel primo punto della sua lista con le priorità per didattica nell’emergenza Covid: “L’ascolto della componente studentesca, oltre a quello dei docenti, della task force e della Commissione didattica, deve essere costante e prioritario”.

COSA PENSA DELL’UNIVERSITÀ

“L’Università ha il delicato compito di formare le nuove generazioni e di promuovere un diverso modello di sviluppo, sostenibile, inclusivo ed equo. Dobbiamo ridare fiducia ai nostri Studenti, ai giovani Studiosi e a tutti coloro che convivono con la consapevolezza di un futuro sempre più incerto. La mia esperienza, se eletta, sarà al servizio di tutta la Sapienza, di tutte le donne e gli uomini che la compongono; sarà al servizio del nostro territorio, della Comunità scientifica nazionale e internazionale, e della società tutta”. Così scriveva la Polimeni durante la “campagna elettorale” per il rettorato.

Leggi anche: Chi è Marcella Panucci, la lady welfare papabile per un posto nel governo Draghi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore