Insider

Chi e come scruta Mario Draghi

Mario Draghi

I Graffi di Damato su Mario Draghi: il più osservato, il più atteso, forse il più temuto

Chi c’è stato, fra i 46 “magnifici” selezionati per ascoltare nel salone di Palazzo Koch le “considerazioni finali” del governatore della Banca d’Italia, mi ha assicurato che quel centinaio di occhi super aperti, nonostante l’ingombro delle mascherine e le distanze di sicurezza imposte da questi tempi di coronavirus, vagavano solo fra tre obiettivi.

Uno era naturalmente il governatore Ignazio Visco, non foss’altro perché stava di fronte a tutti. L’altro era il presidente del Senato, o la presidente, Maria Elisabetta Alberti Casellati per  il colore vistosamente arancione della mascherina scelta per l’occasione: arancione scomodamente uguale ai gilet di protesta nelle piazze dei sovranisti dell’ex generale dei Carabinieri Antonio Pappalardo. L’altro ancora, seduto in prima fila al penultimo posto a destra, era Mario Draghi. Che peraltro dispone nel palazzo di via Nazionale, a poche centinaia di metri dal Quirinale, di un ufficio messogli a disposizione come governatore  emerito, essendo stato al posto di Visco per sei anni, prima di diventare presidente della Banca Centrale Europea. Dove  ha lasciato, da par suo,  il segno salvando praticamente la giovane moneta comunitaria dalla crisi che minacciò di travolgerla otto anni fa.

Anche gli occhi di Visco quando si alzavano dal testo delle considerazioni finali cadevano più frequentemente su Draghi che su altri. E al pari degli altri, forse, anche se tutti smentirebbero se fossero interpellati sul problema, pensando più a quel che “Super Mario”  potrebbe diventare che a quel che è stato.

Che cosa, in particolare, potrebbe diventare Draghi lo sanno ormai anche i marciapiedi di Roma: più che il successore di Sergio Mattarella al Quirinale fra meno di due anni, come  ha mostrato oggi di desiderarlo Eugenio Scalfari su Repubblica, il successore ben prima di Giuseppe Conte a Palazzo Chigi per un governo di emergenza e solidarietà nazionale imposto dagli effetti della crisi virale. Fra i quali ci sono i 13 punti in meno del pil, inteso come prodotto interno lordo, previsti da Visco e la fluidità, a dir poco, di un po’ tutti i partiti che contribuiscono agli equilibri politici nazionali, di maggioranza e di opposizione.

Ormai, di questi partiti, come dimostra l’ultimo sondaggio di Nando Pagnoncelli per il Corriere della Sera, non ce n’è più uno nettamente prevalente su tutti negli orientamenti dell’opinione pubblica. I maggiori sono distanziati gli  uni dagli altri dai tre agli otto punti.  E se vi è un contrasto vistoso fra questi orientamenti e la distribuzione dei seggi parlamentari avvenuta con i risultati elettorali del 2018, nettamente favorevoli al movimento delle 5 stelle, questo è un ulteriore elemento di debolezza del quadro politico. Che è solido, attorno a quel movimento, prima con una maggioranza gialloverde e ora con una maggioranza giallorossa, solo in apparenza, come in una facciata di cartone. Dietro la quale lo stesso Scalfari domenica scorsa, pur volendolo ancora al suo posto oltre l’autunno, ha descritto il povero Conte impegnato a guadagnarsi “giorno per giorno” l’appoggio di ciascuno dei partiti della maggioranza, “soprattutto” del movimento grillino. Che pure a Palazzo Chigi lo portò nel 2018 e lo impose alla sinistra l’anno dopo, nel cambio di coalizione.

Consapevole di tutta quest’attenzione su di lui, un po’ forse compiaciuto ma un po’ anche spaventato, visto che gli toccherebbe malvolentieri un’eredità difficilissima da gestire, Draghi è stato il primo ad arrivare venerdì nel salone di Palazzo Koch, evitando l’arrivo fra gli ultimi, che si nota sempre di più, ed è stato fra i primi a lasciarlo.

 

TUTTI I GRAFFI DI DAMATO

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore