Insider

Chi è Enzo Lavolta, che corre alle primarie di Torino

Chi è Enzo Lavolta

Il PD candida due nomi alle primarie del 12 e 13 giugno di Torino. Uno è quello di Stefano Lo Russo e l’altro Enzo Lavolta, scopriamo chi è

La scelta del candidato del centrosinistra per le amministrative di Torino passa per le primarie di sabato e domenica 12-13 giugno. Il PD ha due nomi da proporre, infatti accanto al civico Francesco Tresso e al radicale Igor Boni, si schierano Stefano Lo Russo (di cui abbiamo parlato qui) ed Enzo Lavolta.

CHI È ENZO LAVOLTA

Enzo Lavolta, classe ’78, è consulente del lavoro, ma fin da giovanissimo si è avvicinato alla vita politica partendo dalla sua Circoscrizione di Torino. Nel PD ha avuto diversi ruoli, è stato consigliere e assessore. Attualmente è vicepresidente del Consiglio comunale e responsabile delle Politiche del Lavoro nella segreteria regionale PD.

Nel 2004 è stato capogruppo dei Democratici di Sinistra, e l’anno successivo, fino al 2006, coordinatore della V Commissione consiliare. Sempre nel corso dell’anno delle Olimpiadi invernali di Torino è entrato in Sala Rossa e, successivamente, gli è stato affidato l’incarico di presiedere la Commissione attività produttive, commercio, lavoro.

Dal 2011 al 2014, Lavolta è stato presidente del Museo A come Ambiente e sempre nello stesso periodo, ma fino al 2016 è stato assessore alle Politiche per lo sviluppo, l’innovazione, lavori pubblici, ambiente e igiene urbana.

Lavolta è stato anche membro della Conferenza ATO3 – Autorità Ambito Acqua, dell’Assemblea ATOR, dei Cda di Torino Wirless, Fondazione Fenoglio e dell’incubatore del Politecnico di Torino I3P, oltre che Presidente della Fondazione Torino Smart City.

LA TORINO DI LAVOLTA

Il candidato, in un’intervista a Repubblica, ha annunciato quale sarà il primo passo in caso di vittoria: “Come primo atto darò il via alla nascita di un tavolo che riguarda il lavoro e coinvolgerà l’intera area metropolitana”. Il lavoro, per Lavolta, è infatti il punto da cui partire perché altrimenti non può esserci ricchezza e senza ricchezza non si può immaginare il futuro di Torino.

E se il lavoro sarà un punto cardine del suo mandato non meno importante sarà la sfida della mobilità sostenibile, partendo dal suo progetto elaborato e approvato durante il suo mandato di assessore: “Zone 30, case avanzate, piste ciclabili non sono scelte alternative, ma tasselli di un quadro più ampio che è quello del biciplan”.

Lavolta promette anche di non far mancare il sostegno ai piccoli negozi partendo dalla rigenerazione urbana e per chi fa cultura dice che Torino deve essere “una amministrazione amica e non una burocrazia pesante”. Anche la sanità sarà inevitabilmente tra le priorità coinvolgendo “professionalità del mondo sanitario, della rete ospedaliera, della medicina territoriale”.

LAVOLTA PRO-ALLEANZA CON I 5S

Lavolta non ha mai nascosto la necessità di un’alleanza con il M5s, ma anche con altri partiti fin da subito, senza attendere il secondo turno. Ecco perché ha già iniziato a dialogare con i Verdi e Articolo Uno. “Non smetterò di dialogare con chiunque voglia mettersi in gioco su temi comuni con valori comuni. Lo farò anche – ha dichiarato a La Stampa – se questo comporterà dovermi confrontare con il mio partito, perché il confronto, se gestito con rispetto e onestà, tiene viva la democrazia”.

Leggi anche:

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore