Insider

Chi sono i nuovi cardinali nominati da papa Francesco

cardinali papa Francesco

Papa Francesco ha annunciato ieri i nomi dei 13 nuovi cardinali (di cui 6 italiani) che verranno creati in un concistoro fissato per sabato 28 novembre. Ecco chi sono

Ieri papa Francesco, al termine della preghiera dell’Angelus, ha annunciato chi saranno i 13 nuovi cardinali che verranno creati in un concistoro previsto per sabato 28 novembre, vigilia della prima domenica di Avvento.

GLI UNDER 80

Tra i nomi scelti da papa Francesco, 9 (di cui 3 italiani) hanno meno di ottanta anni, e quindi il diritto di partecipare al Conclave. Gli italiani nominati sono Marcello Semeraro, 73 anni, vescovo emerito di Albano, da pochi giorni prefetto della Congregazione delle Cause di Santi; Augusto Paolo Lojudice, 56 anni, arcivescovo di Siena-Colle Val d’Elsa-Montalcino ed ex ausiliare di Roma; e padre Mauro Gambetti, 55 anni fra due giorni, conventuale, Custode del sacro Convento di Assisi. A loro si aggiungono il vescovo maltese Mario Grech, 63 anni, segretario generale del Sinodo dei vescovi; lo statunitense Wilton D. Gregory, 73 anni, arcivescovo di Washington e primo cardinale di colore degli Stati Uniti; l’arcivescovo ruandese Antoine Kambanda di 62 anni; l’arcivescovo delle Filippine José F. Advincula di 68 anni; l’arcivescovo di Santiago del Cile Celestino Aos Braco, 75 anni; e infine il vicario apostolico di Brunei Cornelius Sim, 69 anni.

CHI È MARCELLO SEMERARO

Marcello Semeraro è nato a Monteroni di Lecce nel 1947 e si è formato prima presso il locale seminario diocesano e poi presso il Pontificio seminario regionale Pio XI di Molfetta. È stato ordinato sacerdote dal vescovo Francesco Minerva l’8 settembre 1971. Ha poi ricoperto il ruolo di vicerettore del seminario di Lecce e, successivamente, di quello regionale pugliese. Conseguiti i gradi accademici di licenza e dottorato in Teologia presso la Pontificia Università Lateranense, è stato a lungo docente di ecclesiologia presso il medesimo ateneo romano. Ma la vera ascesa di Semeraro è iniziata il 25 luglio 1998, quando è stato nominato vescovo di Oria (Br) da Giovanni Paolo II, che nel 2004 lo trasferì alla sede suburbicaria di Albano. Nel 2009 è stato nominato da Benedetto XVI membro della Congregazione delle Cause dei Santi e pochi giorni fa nuovo prefetto della Congregazione al posto di Giovanni Angelo Becciu a seguito dello scandalo legato a un acquisto sospetto di un immobile di lusso a Londra. Semeraro è tra l’altro consultore della Congregazione delle Chiese orientali, componente del Dicastero per la Comunicazione, amministratore apostolico dell’abbazia di Santa Maria di Grottaferrata e presidente del consiglio di Avvenire-Nei (Nuova editoriale italiana).

CHI È AUGUSTO PAOLO LOJUDICE

Augusto Paolo Lojudice è nato nel 1964 a Roma, dove è cresciuto frequentando la Parrocchia Nostra Signora del Suffragio e Sant’Agostino di Canterbury nel quartiere Torre Maura. Sempre a Roma, si è preparato al sacerdozio al Pontificio Seminario Romano Maggiore e ha frequentato i corsi di Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana, dove ha conseguito anche la Licenza in Teologia. Dopo l’ordinazione sacerdotale ha operato in molte parrocchie della Capitale fino a inizio 2015 quando è stato eletto vescovo da papa Francesco per poi diventare 4 anni più tardi arcivescovo dell’Arcidiocesi Metropolitana di Siena – Colle di Val d’Elsa – Montalcino. Come ordinario diocesano è membro della Conferenza Episcopale Toscana dal 2019, presso la quale è vescovo delegato per le Migrazioni e per l’Evangelizzazione dei Popoli e la Cooperazione tra le Chiese. Dal 2013 è anche tra i membri fondatori nonché Presidente dell’Associazione Dorean Dote Onlus, che si occupa di sostegno a bambini e famiglie.

CHI È MAURO GAMBETTI

Mauro Gambetti è nato in provincia di Bologna, a Castel San Pietro Terme, nel 1965 e dopo gli studi liceali ha conseguito la laurea in ingegneria meccanica, a seguito della quale ha svolto il servizio militare di leva. Nel settembre 1992 ha iniziato ufficialmente il suo cammino nell’Ordine dei Frati Minori Conventuali ed è entrato nel Postulato di Assisi dove ha poi proseguito gli studi filosofici e teologici per poi specializzarsi in Antropologia teologica presso la Facoltà di Teologia di Firenze. È stato ordinato presbitero l’8 gennaio 2000 a Longiano (Forlì-Cesena), dove ha svolto attività di animatore della pastorale giovanile e vocazionale per l’Emilia-Romagna e, dal 2005 al 2009, anche quello di responsabile e animatore della comunità religiosa. Dopo una serie di importanti incarichi, il 18 febbraio 2013 è stato eletto Custode generale del Sacro Convento di San Francesco ad Assisi per il quadriennio 2013-2017. Riconfermato come Custode generale per il quadriennio 2017-2021, è stato anche eletto Presidente della Federazione Intermediterranea dei Ministri provinciali dei Frati Minori Conventuali nel settembre 2017.

I COMMENTI DEI NEO CARDINALI

Come scritto da Avvenire, padre Gambetti dopo poco dall’annuncio della sua nomina ha detto: “Scherzi da Papa. Accolgo con riconoscenza e gioia questa notizia in spirito di obbedienza alla Chiesa e di servizio all’umanità in un tempo così difficile per tutti noi. Affido a San Francesco il mio cammino e faccio mie le sue parole di fratellanza. Un dono che condividerò con tutti i figli di Dio in un percorso di amore e compassione verso il prossimo nostro fratello”.

Una sorpresa anche per l’arcivescovo Lojudice: “Una notizia improvvisa, solo pochi giorni fa ho avuto l’onore di poter conferire con papa Francesco, durante il colloquio, però, non è mai saltata fuori la possibilità che potessi diventare cardinale. Sono onorato, la notizia, come tutti, l’ho appresa durante l’Angelus e sono rimasto quasi impietrito. Ho sentito diverse voci relativamente a una mia presunta partenza, non è assolutamente vero. Resterò a Siena, se c’è una cosa che abbiamo capito durante l’operato di sua Santità, è quella di avere la capacità di stravolgere tutti i piani, decidendo di testa sua. Per questo abbiamo già assistito a nomine fuori dalle cosiddette sedi cardinalizie”.

Semeraro ha invece raccontato come è andata la nomina a prefetto della Congregazione delle Cause di Santi. Il giorno prima ha ricevuto una telefonata del Papa, che lo invitava a fare due chiacchiere da lui, alla quale ha replicato: “Devo venire con l’avvocato?”. Nell’incontro a Santa Marta avrebbe così saputo da Bergoglio della nomina a prefetto: “Lo sai soltanto tu, perché non ne ho parlato con nessuno”. Ai dubbi legati all’età e allo stravolgimento di vita, dopo 16 anni di episcopato ad Albano, il Papa avrebbe risposto: “Anche io ho dovuto cambiare la mia vita a 77 anni”.

GLI OVER 80

Oltre a loro, papa Francesco ha scelto anche 4 non elettori. Si tratta del vescovo emerito di San Cristobal de Las Casas in Messico Felipe Arizmendi Esquivel, 80 anni; e di altri 3 italiani che sono il nunzio scalabriniano Silvano M. Tomasi, 80 anni; il parroco del Divino Amore a Roma monsignor Enrico Feroci, 80 anni; e padre Raniero Cantalamessa, 86 anni, cappuccino, dal 1980 predicatore della Casa Pontificia.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore