Insider

Corsi e ricorsi storici per la Lega

I Graffi di Damato sulla campagna elettorale della Lega tra corsi e ricorsi storici

Senza scomodare Seneca e Dante, maestri del contrappasso, il ricordo che mi stimolano “gli attacchi senza precedenti” e l’assedio mediatico e giudiziario avvertiti e denunciati dal vice presidente leghista del Consiglio e ministro dell’Interno Matteo Salvini è quello dei tempi in cui a parteciparvi era il suo partito contro gli avversari per accelerarne la fine o contrastarne le ambizioni. Penso, per esempio, ai tempi di Bettino Craxi, e al cappio sventolato da un deputato leghista nell’aula di Montecitorio contro gli indagati di Tangentopoli. O ai tempi più recenti di Matteo Renzi e di altri attori minori della politica e del governo, di cui Salvini in persona, non i suoi predecessori, ha chiesto le dimissioni all’arrivo di un semplice avviso di garanzia, o al preannuncio da parte del giornale di turno privilegiato o, peggio, depistato dalla solita gola destinata a non essere mai scoperta, o comunque a rimanere impunita.

LE VIGNETTE NON RISPARMIANO NESSUNO

Ognuno raccoglie anche in politica ciò che ha seminato. E chi di vignette gode, quando a trovarsi in berlina è l’avversario, di vignette soffre quando tocca a lui, o alla sua parte politica. Ogni allusione è voluta al gioco di parole e di accenti con cui Emilio Giannelli ha rappresentato sulla prima pagina del Corriere della Sera la disavventura giudiziaria degli amministratori leghisti di Legnano, a cominciare dal sindaco. E ha  giocato sulla somiglianza disegnata fra la statua della Giustizia e il volto ormai abituale, per i vignettisti, del vice presidente grillino del Consiglio Luigi Di Maio per rafforzare il ruolo di difensore e garante dell’onestà assuntosi dal capo del   movimento delle 5 stelle anche contro il suo alleato di governo e omologo a Palazzo Chigi, quando i due vi si recano dai loro dicasteri.

Repubblica, nella sua nuova e più vivace veste grafica, non hanno avuto bisogno neppure del vignettista per dare ai leghisti nel titolo, sempre di prima pagina, dei “legnati a Legnano” in questo finale di campagna elettorale per il voto europeo e amministrativo del 26 maggio. Cui Salvini si avvicina con  viaggi sempre più difficili e contestati in volo, in treno, in auto e a piedi.

LE ELEZIONI EUROPEE

Non so francamente se e cosa potrà sopravvivere il 27 maggio della maggioranza gialloverde improvvisata dopo le elezioni politiche dell’anno scorso, cui leghisti e grillini avevano partecipato dicendosene e dandosene di tutti i colori, come hanno ripreso o continuato a fare in questa campagna in corso, anche a costo di allarmare i mercati finanziari. Se qualcuno ha raccolto segni di preoccupazione, anzi di allarme al Quirinale si può anche dargli credito.

Va detto tuttavia che ad aumentare confusione e tensione, che insieme danneggiano il Paese, e non solo la politica, dà il suo contributo l’informazione con la solita enfatizzazione delle inchieste giudiziarie, anche nei giornali ritenuti generalmente più sobri, ma ugualmente tentati dallo scoop, vero o presunto che esso poi si riveli lungo la strada. Esasperata è anche la rappresentazione, diciamo la verità, di Salvini come del Duce redivivo, che gli copia le leggi razziali con le norme sulla sicurezza già fatte approvare dal Parlamento e con quelle che vorrebbe aggiungere.

DOPO LA VICENDA DELL’ELEMOSINIERE DEL PAPA

Non parlo poi di chi ha acceso i fuochi della campagna elettorale travestendosi da portavoce del Papa e della Chiesa e ricorrendo in prima pagina anche al virgolettato per annunciare -esattamente sul Fatto Quotidiano– che Salvini “va punito dai cattolici nelle urne”. Non a caso, sempre nella rappresentazione del giornale di Marco Travaglio, il leader leghista sarebbe stato tenuto lontano dalle sacre stanze dove avrebbe cercato di essere ricevuto, almeno prima -presumo- di prendersela con l’elemosiniere del Pontefice che ha riattaccato la luce agli occupanti abusivi di un palazzo romano nei pressi della Basilica di San Giovanni.

 

TUTTI I GRAFFI DI DAMATO

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore