skip to Main Content

Ddl Concorrenza, oltre a bagnanti e tassisti mugugnano anche i produttori dei farmaci generici

Patent Linkage

Una riformulazione del testo presentato dal governo mantiene in vita il Patent Linkage la cui cancellazione avrebbe permesso di classificare come rimborsabili i medicinali equivalenti 

«Prendiamo atto con profondo sconcerto della scelta della maggioranza, in commissione Industria al Senato, di tradire ancora una volta l’interesse dei pazienti italiani e dell’intero Servizio sanitario nazionale mantenendo inalterato nel nostro ordinamento il meccanismo del Patent Linkage che invece l’art. 15 del Ddl Concorrenza mirava ad abrogare». A fine giornata le dichiarazioni più dure sul testo che sta surriscaldando la maggioranza non arrivano dai bagnanti o dai tassisti, ma da Enrique Häusermann, presidente di Egualia – associazione delle aziende produttrici di generici equivalenti, biosimilari e value added medicines – commentando l’approvazione di una riformulazione dell’articolo 15 del Ddl Concorrenza che di fatto annulla la cancellazione dello strumento anti concorrenza prevista nel testo presentato dal Governo. Per l’associazione un vero e proprio dietrofront “in aperta violazione dei principi espressi dalla normativa comunitaria” che “continua a mantenere in vita i “paletti” che in un decennio “hanno causato oltre 220 milioni di mancati risparmi per il servizio sanitario pubblico, oltre che incertezze e costi aggiuntivi per le imprese del settore”.

COS’È IL PATENT LINKAGE

Al centro di tutto il fatto che sfumi l’abrogazione del vigente comma 1 bis dell’articolo 11 del Decreto legge 158/12 (Decreto Balduzzi convertito, con modificazioni, nella Legge 189/2012) che prevede che: “In sede di periodico aggiornamento del prontuario farmaceutico nazionale, i medicinali equivalenti ai sensi di legge non possono essere classificati come farmaci a carico del Ssn con decorrenza anteriore alla data di scadenza del brevetto o del certificato di protezione complementare”.

Resta insomma così com’è il cosiddetto Patent Linkage che il governo si era impegnato a cancellare nel testo presentato in origine, “la riformulazione prevista rischia di perpetuare la situazione già in essere da dieci anni”, è il commento dell’Associazione delle aziende produttrici di generici equivalenti, che per diversi osservatori (e pareva essere la linea condivisa dallo stesso esecutivo) sarebbe sbilanciata a favore di interessi protezionistici di alcuni comparti industriali. Laddove la proposta abrogativa del Ddl Concorrenza fosse stata approvata, i medicinali equivalenti sarebbero stati classificati come rimborsabili dall’Agenzia italiana del Farmaco contestualmente alla conclusione della procedura di ammissione al rimborso e negoziazione del prezzo.

RIMBORSI SOLO CON BREVETTO

«Nonostante le ripetute sollecitazioni dell’Antitrust, l’ultima risalente al marzo 2021, e nonostante l’orientamento ormai consolidato della giurisprudenza amministrativa – prosegue Häusermann – a causa di una scelta anacronistica del legislatore, AIFA, nel valutare i farmaci equivalenti per stabilirne la classe di rimborsabilità non dovrà tener conto solo di ciò che è di sua competenza – qualità sicurezza ed efficacia – ma dovrà continuare, unica in Europa, a considerare anche la copertura brevettuale».

«In questo momento di grave difficoltà economica che i cittadini italiani ed europei e le autorità sanitarie si trovano ad affrontare dovrebbe essere di cruciale importanza agevolare l’accesso ai trattamenti meno costosi senza inutili ostacoli. A maggior ragione la scelta compiuta dalla politica su questo argomento risulta ingiustificata – conclude Häusermann – Garantiamo fin d’ora che daremo visibilità e informazioni dettagliate ai cittadini su qualsiasi danno economico che sarà subito dal SSN a causa della mancata abrogazione del Patent Linkage, nonché di ogni altro effetto negativo per la concorrenza che possa derivare da questa scelta infelice»

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore