[hfcm id="2"]
skip to Main Content

Domani le primarie PD a Roma, chi è Stefano Fassina

Chi è Stefano Fassina

Nel suo percorso direttamente o indirettamente ci sono il Pci, Mario Monti, Carlo Azeglio Ciampi, John Kerry, Pierluigi Bersani, Papa Francesco e molti altri. Stefano Fassina, rientrato anni fa dagli Stati Uniti per amore della politica, questa domenica partecipa alle primarie del centrosinistra di Roma

Dall’adesione a 19 anni al Pci per combattere le diseguaglianze sociali alla costituzione del movimento Patria e Costituzione, una carriera politica – ma non solo – in continua evoluzione che lo porta domenica 20 giugno a essere uno dei candidati alle primarie del centrosinistra di Roma. Scopriamo chi è Stefano Fassina.

CHI È STEFANO FASSINA

Stefano Fassina, classe 1966, è nato a Roma ma cresciuto a Nettuno. “Un ragazzo di provincia come tanti, forse anche po’ coatto: gli amici, lo studio, lo sport (corro ancora, appena posso). Mamma casalinga, papà falegname, votavano Pci. Cattolici, mi hanno lasciato il senso della religione e un grande rispetto per tutte le fedi”. Così si descrive sul suo sito, dove dice anche di riconoscersi “nei moniti di Papa Francesco per superare il liberalismo e l’individualismo dell’economia ‘dominante’”.

A 19 anni si iscrive al Pci a causa delle diseguaglianze sociali, dopo aver realizzato “quale abisso ci fosse tra le opportunità concesse a qualcuno e negate ad altri” ed è lì che la politica diventa il suo pallino. Nel ’90 diventa segretario degli universitari della sinistra giovanile.

Si è laureato in Storia del pensiero economico alla Bocconi (quando il rettore era Mario Monti) “non per il nome” – sottolinea – “ma perché era uno dei pochi atenei a concedere borse di studio sufficienti a mantenersi”.

Quando è tornato nel Lazio, ha iniziato a lavorare nella sede di Botteghe Oscure del Pci e dopo anni di collaborazioni da precario per studi e ricerche, viene chiamato al Ministero dell’Economia. “Non era un momento qualsiasi – ricorda – stavamo entrando nell’Euro. Niente riflettori, ero solo una ‘terza fila’. Però ho avuto la fortuna di lavorare con Ciampi, uomo d’altri tempi, di grandi capacità e umanità”.

Nel 1999 si è trasferito negli Stati Uniti, dove aveva ottenuto una consulenza alla Interamerican Developement Bank, poi è arrivato il Fondo monetario internazionale. Un lavoro invidiabile, ma la politica rimane la sua passione tanto che si ritrova a fare la campagna elettorale di John Kerry porta a porta.

LA POLITICA A ROMA

A farlo tornare a Roma è la proposta di Pierluigi Bersani di scrivere il programma elettorale del 2006 e successivamente l’esperienza al ministero delle Finanze con Vincenzo Visco. Nel 2010 arriva la nomina a responsabile economico del Pd.

Solo nel 2013 Fassina viene eletto alla Camera dei deputati, a cui segue il ruolo di viceministro dell’Economia e delle Finanze con il governo Letta, da cui si è dimesso perché non ne condivideva la linea di politica economica. L’adesione a Sinistra Italiana e poi a Liberi e Uguali perché Fassina si dice “troppo innamorato della politica” per tirarsi indietro. Nel 2018 ha dato vita all’associazione politica Patria e Costituzione.

Leggi anche: Primarie, dalla Regione a Roma, chi è Paolo Ciani

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore