Insider

La logistica ha le gomme a terra? Intervista a Ferrajoli, Federauto Trucks

aspi blockchain federauto trucks Federlogistica Conftrasporto

A Policy Maker, Gianandrea Ferrajoli, numero 1 di Federauto Trucks: “Il parco veicoli non si rigenera solo con gli incentivi, resta obsoleto e continua a inquinare e a minacciare la sicurezza delle strade”

Anche il settore dei veicoli commerciali e industriali è stato seriamente danneggiato dalla pandemia e, aspetto non secondario, si è visto escludere dal PNRR. Abbiamo intervistato il presidente di Federauto Trucks, Gianandrea Ferrajoli, per comprendere le istanze che il comparto indirizza all’esecutivo. Le urgenze sono tante: “La situazione che presenta l’Italia, – ha detto a Policy Maker – con un parco datato 14 anni, è ormai unica nella Comunità Europea”. Mentre sulle risorse del Recovery Fund destinate quasi esclusivamente alle ferrovie, il principale esponente di Federauto Trucks ha commentato: “I vari segmenti non sono in competizione, anzi, solo con una integrazione sinergica saremo in grado di rinnovare il settore e stimolare una crescita con ricadute positive sull’intera economia del Paese”.

Gianandrea Ferrajoli Federauto Trucks

Gianandrea Ferrajoli, presidente di Federauto Trucks

L’intervista al numero uno di Federauto Trucks

Policy Maker: Nel sostegni bis non hanno trovato posto gli incentivi per la rottamazione di macchine inquinanti a favore di nuovi modelli maggiormente sostenibili. Ce ne stiamo forse dimenticando? E cosa fanno gli altri Paesi europei?

Gianandrea Ferrajoli: Guardando alla condotta di Francia e Germania, dove il parco circolante ha un’età media rispettivamente di 9 e 8 anni, risulta evidente che la cosiddetta “transizione ecologica” era già stata posta al centro dell’agenda dei due Paesi ormai da qualche anno…

PM: Alla luce di questi dati, qual è la situazione del parco auto e camion italiano? È particolarmente vecchio e inquinante?

GF: La situazione che presenta l’Italia, con un parco datato 14 anni, è ormai unica nella Comunità Europea. Abbiamo solo il 16% di veicoli Euro 6 e un altrettanto 16% di veicoli Euro 0, Euro 1, Euro 2. Tutto il resto dei truck circolanti, appartenente alle categore Euro 3, Euro 4 ed Euro 5, nella maggior parte dei casi presenta un’anzianità che va oltre i 10 anni.

PM: E gli incentivi servono a sostituire progressivamente i veicoli più vetusti?

GF: Una delle principali criticità, che come Federauto presenteremo a luglio insieme ad Anfia e Unrae, è che gli incentivi, destinati a chi acquista un veicolo industriale nuovo, vengono nella gran parte dei casi usufruiti da aziende strutturate che sostituiscono veicoli Euro 6 (di 3-4 anni in media) con altri veicoli Euro 6 più nuovi, lasciando i vicoli euro 0,1,2,3,4 in circolazione. Dunque il parco non si rigenera, restando obsoleto e continuando a inquinare e a minacciare la sicurezza delle strade.

PM: Qual è la situazione del comparto dopo oltre un anno di pandemia?

GF: Anche nei mesi più aspri della crisi sanitaria, quelli in cui abbiamo sperimentato un severo confinamento, la logistica è stata in prima linea per garantire un approvvigionamento costante alla popolazione. Si può dire che la filiera non si sia mai fermata, confermando una verità spesso dimenticata: ossia il settore è nevralgico per l’economia del Paese. La pandemia ha agito da spartiacque: le aziende che avevano già avviato investimenti su digitale e nuove tecnologie hanno consolidato un vantaggio competitivo irreversibile rispetto agli altri che sono naturalmente rimasti indietro.

PM: Il comparto della logistica beneficia del boom dell’e-commerce e del proliferare delle consegne a domicilio? In quale percentuale?

GF: Il boom dell’e-commerce ha cambiato le logiche di molte aziende nel settore dei trasporti. L’ultimo miglio, fino all’ultimo centimetro, è esploso. Basti pensare che le spedizioni legate agli acquisti online sono aumentate del 103% durante il lockdown e del 68,5% nel post lockdown. Si tratta di una tendenza che non passerà velocemente.

PM: Ci sono stati cambiamenti rilevanti nei modelli di business che vale la pena sottolineare?

GF: In questa cornice, è molto interessante osservare come il settore della logistica stia virando da un modello tipicamente b2b, a una dimensione b2b2c. La crescita esponenziale di molte startup americane, come Doordash e Uber Eats, è un chiaro segnale che a breve tutto il perimetro delle consegne verrà completamente ridisegnato in chiave green & smart.

PMI: Il PNRR destina molte risorse alle ferrovie, lasciando in ombra il trasporto su gomma. Come giudicate questa decisione? Quali modifiche vorreste?

GF: Dobbiamo superare l’approccio frammentato e ragionare sempre più in ottica intermodale. I vari segmenti non sono in competizione, anzi, solo con una integrazione sinergica saremo in grado di rinnovare il settore e stimolare una crescita con ricadute positive sull’intera economia del Paese.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore