skip to Main Content

Cosa pensa Prodi del M5S con Conte

Conte

Per Romani Prodi Conte è il “cane pastore” del Movimento 5 Stelle. I Graffi di Damato

Manca solo la cinematografica “polvere di stelle” all’elenco delle definizioni della crisi dei grillini dopo l’ultimo scontro fra l’associazione di Davide Casaleggio intitolata a Rousseau, che ha messo in cassa integrazione i dipendenti, e il vertice ormai anonimo del movimento maggiormente rappresentato in Parlamento dalle elezioni del 2018. Vi offro solo alcune delle parole o immagini offerte dai titoli e dalle cronache dei giornali: transizione, rottura, strappo, divorzio, distacco, addio, big bang, agonia, funerale. A pensarci bene, oltre alla polvere di stelle, manca anche il naufragio, ma solo per non fare confusione -credo- con quello vero e proprio appena scoperto al largo della Libia con più di cento morti e finito giustamente su tutte le prime pagine dei giornali fra le solite grida di dolore, proteste, polemiche e palleggi di responsabilità nella gestione di questa continua tragedia di migranti.

Come una sibilla ambrosiana, dai suoi uffici milanesi Davide Casaleggio ha emesso frasi aperte a ogni tipo di interpretazione e scenario. “Noi siamo movimento”, ha detto omettendo l’articolo al sostantivo, per cui si può immaginare ma anche scartare la scissione. L’articolo invece compare in quest’altra fase:“Il movimento è dov’è chi ne rispetta i principi”, per cui si potrebbe addirittura pensare che il giovanotto consideri ormai abusivo tutto ciò che è fuori dalla sua associazione pur in crisi di sopravvivenza con quella foto di piazza sul blog delle stelle e il riconoscimento scritto che “oggi siamo a terra” e la certezza, non speranza, che “ci rialzeremo”, si vedrà in che modo ed eventualmente in quanti movimenti, al plurale.

Immagino lo sconcerto di Giuseppe Conte, forse costretto a rinviare ancora, spinto anche dagli sviluppi di alcune vertenze giudiziarie alle quali ne stanno sopraggiungendo altre, il debutto da “rifondatore” annunciato per il 29 aprile. E continuo a pensare che l’ex presidente del Consiglio sia sotto sotto tentato dalla rinuncia, trattenuto solo dal desiderio di fare un dispetto a quel rompiscatole di Matteo Renzi avventuratosi a prevederla, o consigliarla.

L’unico incoraggiamento a Conte, per quanto relativo, è arrivato in una intervista al Corriere della Sera dall’ex presidente del Consiglio Romano Prodi, che temeva di peggio da quello che ha definito “il magma di stato nascente” del Movimento 5 Stelle, cioè la “implosione”. A me, in verità, essa sembra evidente ma non a Prodi, che probabilmente se ne intende di più con la sua pur sfortunata esperienza con i movimenti che non hanno mai fatto durare i suoi governi più di 19 mesi: 17 il primo – fra il 1996 e il 1998 – e 19, appunto, il secondo dieci anni dopo.

Evidentemente convinto che Casaleggio non abbia munizioni per un suo eventuale progetto davvero scissionistico, Prodi sostiene che dal “magma” grillino sia “uscita solo una minoranza estremista” e che quelli rimasti “trovino una coerenza e un equilibro interni” grazie a quel “cane pastore dei Cinque Stelle” che sarebbe Conte. “Un po’ esitante”, gli ha fatto notare l’intervistatore. “Ma i cani pastore girano, vanno da una pecora, poi dall’altra”, ha risposto olimpicamente Prodi. Che ha insistito, sempre parlando dei cani pastore alle prese con le pecore: “Ne mordono qualcuna riluttante al garretto per portarla dove c’è l’erba verde. E poi, quelle riluttanti sono già andate via: per ora meno del previsto, in realtà”. Ma, appunto, “per ora”, caro il mio professore.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore