skip to Main Content

Berlusconi: Salvini e Meloni inadeguati. Ma poi si rimangia tutto

Berlusconi Salvini Meloni

Berlusconi mette a rischio la tenuta del centrodestra: «Se Draghi va a fare il presidente della Repubblica poi a chi dà l’incarico di fare il nuovo governo: a Salvini, alla Meloni? Ma dai, non scherziamo…» E sulla vicenda di Morisi: «Ha solo il difetto di essere gay»

A ripercorrere la sua lunga carriera politica, dal 1994 a oggi non si contano le volte in cui Silvio Berlusconi, dopo averne detta una delle sue, abbia dichiarato di essere stato “frainteso”. E si sa, il lupo perde il pelo, ma non il vizio, nemmeno a 85 anni, e così anche l’intervista rilasciata alla Stampa l’indomani del suo compleanno è stata prontamente ritrattata da Sua Emittenza. Ennesima gaffe o rude strategia comunicativa per tornare al centro della scena? Impossibile affermarlo con certezza.

Quel che è certo, è che quanto detto dal Cavaliere sarà foriero di conseguenze. Il perché è presto detto: nel colloquio con Massimo Giannini, Berlusconi si lascia andare a esternazioni su Matteo Salvini e Giorgia Meloni potenzialmente dirompenti per la tenuta del centrodestra, coalizione che già scricchiola per via del caos tutto interno alla Lega e per i continui attacchi di FdI al governo in cui siedono gli alleati.

«Senta, siamo sinceri: ma se Draghi va a fare il presidente della Repubblica poi a chi dà l’incarico di fare il nuovo governo? A Salvini? Alla Meloni? Ma dai, non scherziamo…», è questa, di tutto il colloquio, la frase di Berlusconi che rischia di ridisegnare il destino della coalizione. Secondo il Cav «non è solo il centrodestra che è in difficoltà, è tutta la politica italiana che è in confusione totale. Anzi, le dirò di più: lo è tutta la politica internazionale. Guardi quello che sta succedendo in Europa, guardi quello che sta succedendo soprattutto in Germania, dove di fatto non ha vinto nessuno e Scholz pretende di formare il suo nuovo governo. Ma io lo conosco bene il signor Scholz, e le assicuro che è un politico modesto. Troppo modesto per guidare un grande Paese come la Germania, che esce dai sedici anni di Angela Merkel». Poi rivela: «Le confesso una cosa. Poco fa mi ha telefonato l’amico Putin per farmi gli auguri, e gli ho detto esattamente questo: Vladi, non te lo dico per piaggeria, perché mi conosci e sai che sono sempre sincero, ma ormai nel mondo l’unico vero grande leader rimasto sei solo tu. Si è fatto una risata, ma la mia non è una battuta, è la semplice verità».

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore