Italia

Centrodestra spaccato. Bettini e Berlusconi vorrebbero unirsi ma Salvini non ci sta e cala il gelo

centrodestra berlusconi

I trasfughi di Forza Italia, l’offerta di Berlusconi al governo che Bettini apprezza e il dietro le quinte che ha portato alla spaccatura del centrodestra

In seguito alle accuse di ‘inciuci’ con il nemico e di pensare ai ‘rimpasti’ di Matteo Salvini a Silvio Berlusconi e al suo partito Forza Italia, tre deputati azzurri hanno lasciato il Cavaliere per passare al Capitano. I trasfughi di FI sono la giornalista e imprenditrice Federica Zanella, l’imprenditore toscano Maurizio Carrara, ma soprattutto, colei che veniva definita dai giornali l’“amazzone di Silvio”, Laura Ravetto. La ex sottosegretaria del ministero per i Rapporti con il Parlamento durante il quarto e ultimo governo Berlusconi si sospetta che si sentisse messa da parte e che, oltre alla delusione nei confronti di FI, – “vivo con disagio l’ammiccamento al Pd e l’apertura al governo” – avesse intuito (come sostengono i forzisti) che per lei sarebbe stato più facile essere rieletta nel Carroccio che in Forza Italia.

FORZA ITALIA BUSSA ALLA PORTA DEL GOVERNO PER OFFRIRE IL PROPRIO AIUTO

A proposito dell’apertura di Forza Italia al governo, Berlusconi, già dalla scorsa settimana, si era fatto avanti per offrire collaborazione nella sfida comune posta dal Covid-19: “Oggi quello che conta è lavorare con il governo che c’è, anche se non è quello che vorremmo. Quello che posso escludere è la nostra partecipazione a un esecutivo con forze politiche incompatibili con noi. Altra cosa è che l’opposizione sia coinvolta. In verità, io ho chiesto più volte che siano invitate a collaborare tutte le migliori energie del Paese, non solo della politica, ma della cultura, dell’impresa, della scienza, del lavoro, in un grande sforzo collettivo per rispondere all’emergenza”.

BETTINI APRE A FORZA ITALIA E IL CENTRODESTRA SI SPACCA

Goffredo Bettini, stratega del Pd e uomo che ha fatto nascere il governo Conte II, nella lettera di domenica scorsa al Corriere della Sera dichiarava che “è giunta l’ora di chiamare al governo le energie migliori e necessarie per competenza forza politica” e per questo “è necessario raccogliere subito il segnale di Forza Italia”. Bettini va avanti facendo chiarezza: “Non si tratta di rinunciare ognuno alla propria identità, bensì di praticare tutte le vie possibili per raccogliere con generosità i contributi delle forze politiche consapevoli e democratiche che sinceramente intendono dare una mano”.

IL PIANO SEGRETO DEL PD (BETTINI)

Come ipotizza Affari Italiani, Bettini potrebbe aver dato la sua benedizione a un’apertura con Forza Italia sia per “rafforzare l’azione dell’esecutivo ‘assolutamente deficitario nella gestione di questa seconda ondata della pandemia’” che per un “tentativo di strappare definitivamente Silvio Berlusconi da Salvini e Meloni in modo da dare il colpo di grazia ai sovranisti italiani dopo la sconfitta di Donald Trump in America, spaccando il centrodestra e isolando i due potenziali ‘eredi’ del Cavaliere” e creando un “nuovo fronte moderato e democratico in vista delle prossime elezioni che possa comprendere anche Forza Italia”. Tutto questo, tra l’altro, consentirebbe a Berlusconi di avere voce in capitolo nell’elezione del successore di Sergio Mattarella. Nell’articolo si legge poi anche che la mossa di Berlusconi ha sollevato sospetti anche tra i grillini che si sarebbero chiesti: “Non è che con la scusa di aprire la crisi di governo per far entrare Forza Italia in realtà si punta a far arrivare Mario Draghi a Palazzo Chigi?”.

IL GELO TRA SALVINI E BERLUSCONI

L’ipotesi avanzata da Berlusconi quindi ha scosso non solo l’opposizione ma anche la Lega di Matteo Salvini che sembra non aver gradito la mossa del Cavaliere. A quanto pare, riferiscono gli staff dei due leader, il Capitano e il Cavaliere non si sentono e il gelo che è calato tra loro non sembra diminuire anche se Salvini ha provato a stemperare facendo sapere che lavora con tutto il centrodestra “per una coalizione unita e concreta, capace di curare e proteggere gli italiani. Non ho tempo per polemiche politiche o inciuci”.

MELONI SCEGLIE UNA LINEA PIÙ SOFT

Giorgia Meloni, ha scelto di essere più cauta (e forse furba), accusando i partiti della maggioranza – in particolare il Pd – di essere colpevoli di praticare la vecchia strategia del ‘divide et impera’. Oltre a puntare il dito su qualcuno che non sia Berlusconi o Salvini, si è anche detta certa che il Cavaliere però “non ci cascherà”.

LA RISPOSTA DI BERLUSCONI

All’inasprimento dei rapporti con Salvini, il Cavaliere ha risposto: “Come ho detto più volte, se noi e i nostri alleati avessimo sempre la stessa opinione su ogni argomento, non saremmo un’alleanza, saremmo un unico partito”. E ricorda che senza Forza Italia in Italia ci sarebbe “una destra isolata e perdente” come il Front National di Marine Le Pen. Berlusconi ha infine ribadito che nessuno intende andare al governo con forze “incompatibili” ma allo stesso tempo “discutere del teatrino della politica è offensivo verso il Paese che soffre”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore