Italia

Che cosa succede nella Lega?

Lega

Colpo basso a Salvini dal Foglio, e dagli eurodeputati della Lega

In attesa ancora fiduciosa di una smentita, precisazione o quant’altro del ministro degli affari europei Vincenzo Amendola, che già con quel cognome mi mette un po’ di simpatica soggezione per l’omonimia con lo storico esponente liberale ucciso a bastonate dai fascisti, mi ha colpito il modo in cui al Foglio di Giuliano Ferrara e Claudio Cerasa hanno contrapposto alcune sue parole alla svolta annunciata, adombrata, propostasi – come preferite – da Matteo Salvini. Che, forte dei consigli già ricevuti da Marcello Pera, tentato dalla scommessa sull’evoluzione della Lega dopo le delusioni procurategli da Forza Italia, ha condiviso “la necessità di una rivoluzione liberale”.

Le parole di Vincenzo Amendola sono queste: “Noi vogliamo che il Parlamento si esprima sulle linee guida per il piano nazionale di ripresa. E certo speriamo che anche le opposizioni partecipino costruttivamente, fin dalla prossima settimana”, anche perché il forzista Renato Brunetta – ha riferito Il Foglio forse sentendolo direttamente – ha riconosciuto che “si è oggettivamente lavorato bene” nelle commissioni competenti. Tanto bene – ha aggiunto il giornale riportando tra virgolette le parole del responsabile economico del partito di Silvio Berlusconi – che “stiamo ragionando coi colleghi” sulla possibilità di una convergenza in aula, quando il documento sarà discusso e votato, prima alla Camera e poi al Senato, in vista del Consiglio Europeo del 15 e 16 ottobre.

Le “linee guida per il piano nazionale di ripresa” sono propedeutiche all’uso dei 209 miliardi dei fondi europei destinati all’Italia se questa saprà presentare progetti credibili per lo sviluppo di fronte alla crisi aggravata dalla pandemia virale. Ebbene, anche se nell’articolo non si trovano parole di Amendola specificamente riferite alle posizioni neo-liberali di Salvini e del suo partito, l’auspicio del ministro per ampie convergenze parlamentari sul documento predisposto dal governo è stato contrapposto dal Foglio ad “una nota critica sul Recovery fund” diffusa il 7 ottobre dal gruppo leghista del Parlamento Europeo. Nelle cui “conclusioni” si sostiene che “ci sarà grazie al Recovery un vincolo esterno simile alla Troika per modalità ricattatorie (ti concedo di spendere i tuoi soldi e forse una mancia se fai quello che ti dico io)”.

“Il governo giallorosso – continua la nota leghista virgolettata dal Foglio – ha quindi vincolato ulteriormente il nostro paese alle decisioni prese in sede Ue e ora cercano di vendere questo ennesimo tradimento della patria come un grande successo e come se l’Ue ci regalerà un sacco di soldi”.

Certo, su posizioni come queste, non so se destinate ad essere discusse nell’incontro che Salvini e Giancarlo Giorgetti hanno promosso a Roma nei prossimi giorni con gli europarlamentari del Carroccio, di “rivoluzione liberale” e di nuovo approccio leghista all’Europa sarà difficile continuare a parlare con una certa credibilità. Più che a Pera, o al governatore della Banca d’Italia appena espostosi sul Corriere della Sera con un invito a tutti a “cambiare passo”, Salvini rischia di apparire sensibile alla filosofia dell’amico sovranista Paolo Del Debbio. Che sulla Verità ha dato del “matto” a chi “spera nei soldi europei”.

TUTTI I GRAFFI DI DAMATO

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore