Italia

Come deraglia il governo su Tav e Venezuela

I graffi di Damato

Mentre a Roma Giuseppe Conte e Luigi Di Maio presentavano festosamente il primo esemplare della carta di credito stampata dalle Poste per il cosiddetto e imminente reddito di cittadinanza, e Matteo Salvini annunciava con giubilo la presentazione delle prime ventimila domande all’Inps per l’accesso anticipato alla pensione da parte di chi ha maturato 62 anni di età e 38 di contributi, dall’Europa sono piovute altre tegole sull’Italia.

L’ANNUNCIO UE SU TAV

La lite farcita di parolacce fra grillini e leghisti sulla realizzazione della “supercazzola”, come la chiama Di Maio, della linea ferroviaria ad alta velocità Lione-Torino per il trasporto delle merci, la famosa Tav sostenuta e appena visitata in cantiere da Salvini con casco e tuta d’ordinanza, è stata bruscamente interrotta dall’annuncio della Commissione di Bruxelles che rinunce e ritardi potrebbero costare a breve al governo italiano la restituzione di un miliardo e duecento milioni di euro di contributi dell’Unione Europea, da noi già incassati. Emilio Giannelli ha giustamente immaginato e rappresentato sul Corriere della Sera la turbo-fuga del ministro pentastellato delle Infrastrutture Danilo Toninelli. Che sta giocando ormai da troppo tempo con i numeri segreti del rapporto fra costi e benefici dell’opera, a sollecitare la quale si è liquidati come “rompicoglioni” dall’ineffabile Alessandro Di Battista. Che dalla panchina di ex deputato partecipa a suo modo alla partita della squadra grillina di governo senza che nessuno, ma proprio nessuno, dall’arbitro ai giocatori in campo con la maglia delle cinque stelle, si senta a disagio e tanto meno protesti.

E POI SUL VENEZUELA

Sempre dall’Europa è venuta all’Italia, sul fronte questa volta della politica estera, che pure è uno degli anelli deboli dell’Unione, dove di solito si è più solisti che coro, una cocente lezione di realismo e anche di dignità di fronte al caos crescente in Venezuela. Dove peraltro risiedono non 130 mila, come si è spesso scritto in questi giorni, ma forse più di 150 mila italiani, al netto di quelli che sono già scappati per la miseria e la violenza garantite dal dittatore Nicola Maduro: l’erede di Chavez di cui Alessandro Di Battista, sempre lui, è riuscito ad imporre la venerazione nel suo movimento. Ben 19 Paesi dell’Unione Europea hanno definitivamente scaricato Maduro e riconosciuto il presidente ad interim del Venezuela Juan Gaidò, che alla scadenza del mandato del rivale, confermato l’anno scorso con elezioni dalla irregolarità persino sfacciata, si è proposto di restituire la parola ai cittadini. Che invece Maduro vorrebbe rimandare alle urne, con i suoi metodi, per eleggere un nuovo Parlamento, visto che quello in carica è presieduto proprio da Gaidò, legittimato dalla Costituzione venezuelana a prendere provvisoriamente il posto del presidente scaduto della Repubblica.

I GRILLINI FILO-MADURO?

La posizione apparentemente agnostica ma sostanzialmente filo-Maduro imposta all’Italia dai grillini, fra le proteste anche degli alleati di governo, è diventata ormai talmente insostenibile che ha dovuto intervenire il capo dello Stato per invitare il governo a scegliere finalmente “fra democrazia e violenza”.

Si spera a questo punto che non rimedi pure Sergio Mattarella il “rompicoglioni” già riservato da Di Battista a Salvini per la Tav. Ormai il repertorio dei grillini è o è tornato ad essere questo, se è mai davvero cambiato da quando sono passati dall’opposizione al governo.

 

TUTTI I GRAFFI DI DAMATO

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore