skip to Main Content

Come si muoverà Berlusconi nel governo Meloni secondo Berlusconi

Meloni Berlusconi

Berlusconi a tutto campo nel suo ruolo di regista, ma altro ancora… I graffi di Francesco Damato

 

La scelta di certo non è stata casuale. Silvio Berlusconi ha voluto lasciare i suoi messaggi sul nuovo governo proprio alla Stampa che gli aveva attribuito ieri un intervento a gamba tesa su Giorgia Meloni, peraltro attesa proprio oggi a Milano, perché gli lasciasse l’ultima parola – diciamo così – almeno su Forza Italia, ma anche su altro, nelle trattative sui nuovi ministri. Che dovranno essere – ha confermato in una intervista appunto alla storica testata torinese – il più possibile politici, pur con tutto il rispetto che meritano i tecnici.

Di ambizioni personali l’ex presidente del Consiglio ha mostrato di coltivarne una sola “al di là di qualsiasi incarico formale, specialmente nello scenario internazionale”. “Quando le circostanze lo consentiranno – ha detto parlando del conflitto in Ucraina appena aggravato da Putin con l’annessione pseudoreferendaria delle zone occupate militarmente – sarò il primo a insistere per una soluzione diplomatica, perché considero la guerra intollerabile, la follia delle follie”.

Par di capire che Berlusconi, forte di un vecchio rapporto di amicizia personale con Putin, per quanto affievolito negli ultimi tempi dalle sorprese riservate da Mosca anche a lui, voglia davvero riparare all’ultima, enorme gaffe commessa alla vigilia delle elezioni, quando disse che al Cremlino all’inizio volevano solo sostituire Zelensky e amici a Kiev con un po’ di “persone per bene”.

“Una soluzione diplomatica – ha tenuto a precisare questa volta, dichiarandosi in sintonia col governo uscente di Mario Draghi – implica l’assoluta unità dell’Occidente e non può contemplare in nessun caso il sacrificio della liberà e dei diritti del popolo ucraino”. Se son rose fioriranno. Certo, sarebbe un gran bel colpo se il Cavaliere riuscisse da Arcore a rianimare uno scenario di pace in quest’Inferno che è diventata l’Europa.

Non sono mancate curiosità anche nei dettagli, chiamiamoli così, della politica interna italiana, dove Berlusconi si è addentrato per riconoscere, per esempio, “il poderoso recupero dei 5 Stelle” compiuto da Giuseppe Conte e sottolineare la “modesta crescita” di Caro Calenda e di Matteo Renzi, avvenuta secondo lui senza “rubare” un solo voto alla sua Forza Italia. Che starebbe molto meglio di come la dipingono quanti l’hanno abbandonata.

L’uomo, si sa, è coriaceo. E chissà che non gli riesca di contribuire, da quell’angolo della Brianza dove vive in una dimensione tutta sua, anche a tutelare Draghi come “patrimonio del Paese, al quale non possiamo rinunciare”. “Ovviamente avrebbe tutte le carte in regola per occupare un ruolo apicale nelle istituzioni internazionali”, ha detto Berlusconi pensando forse alla segreteria generale della Nato, dove aveva già tentato a suo tempo di far arrivare il suo ministro della Difesa Antonio Martino. Che – benedett’uomo – non ne aveva tanta voglia perché l’incarico avrebbe troppo compromesso le sue abitudini di vita, a cominciare dal pisolino dopo pranzo rigorosamente in pigiama. Grandissimo Martino, andatosene via quest’anno all’improvviso e in punta di piedi.

E di Giorgia Meloni, la sua ex ministra, quasi una mascotte, ormai lanciata verso Palazzo Chigi ? “Prudente ed equilibrata”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore