skip to Main Content

Conte e di Maio si sfideranno (direttamente) a Pomigliano d’Arco?

5 Stelle Di Maio Conte

Pomigliano d’Arco, il territorio che ha visto eleggere Luigi di Maio, potrebbe essere campo di sfida diretta tra il Ministro degli Esteri e Giuseppe Conte

Tra Giuseppe Conte e Luigi di Maio potrebbe essere scontro diretto, a Pomigliano d’Arco. I due sono indicati come possibili candidati sullo stesso territorio, prefigurando un duello all’ultimo sangue.

Nell’attesa di ufficializzare le candidature, non mancano però le stilettate tra i due, che un tempo (forse) si erano tanto amati.

Andiamo per gradi.

Conte si candita a Pomigliano d’Arco

Partiamo dalle indiscrezioni. Secondo il Corriere della Sera, Giuseppe Conte e Luigi Di Maio sono i nomi indicati come possibili antagonisti nello stesso territorio di Pomigliano d’Arco, proprio dove era stato eletto il ministro degli Esteri e proprio dove sembra ancora esistere l’ultima roccaforte dei grillini.

Secondo Il Mattino, infatti, i sondaggi dicono che quel collegio è conteso tra centrosinistra e Movimento 5 Stelle, con due punti di distacco a favore dei grillini (per un 20,5%).

Una sfida nella sfida, tra Conte e Di Maio, renderebbe però tutto molto incerto.

Cinque Stelle in attesa di primarie

Manca ancora, però, l’ufficialità delle candidature. Il M5s è ancora in attesa dei risultati delle primarie, che si terranno il 16 agosto, per indicare le candidature degli altri esponenti della società civile su cui il Movimento intende scommettere.

Attualmente, i pentastellati, infatti, sono a lavoro per analizzare  le quasi 2 mila auto-candidature pervenute, con l’obiettivo di scongiurare il rischio di ritrovarsi con brutte sorprese nelle liste.

Impegno Civico in alto mare

Anche Impegno civico di Luigi Di Maio, però, è ancora in alto mare.

E qualcuno, tra i parlamentari della scissione, inizia a preoccuparsi per le proprie sorti: tra questi anche l’ex ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, che teme che al tavolo della trattativa nazionale il suo nome possa essere penalizzato nella decisioni finali.

Di Maio: M5S è ormai il partito di Conte

Nomi e territori a parte, la guerra tra Luigi di Maio e Giuseppe Conte ad oggi si gioca nei salotti Tv.

“Il percorso con il Pd è iniziato tanto tempo fa, quando abbiamo costruito il secondo Governo di questa legislatura. È iniziato quando abbiamo fatto le leggi per superare la pandemia, poi abbiamo affrontato il Governo Draghi, la guerra in Ucraina. Questo percorso, in questi anni è stato un processo di evoluzione che ha riguardato me, ma che doveva riguardare anche il Movimento cinque Stelle, che oggi io chiamo partito di Conte perché non ha nulla a che vedere con quella forza politica”, ha detto Luigi di Maio, intervenendo ad In Onda, su La7.

“I cittadini italiani continuano sempre meno a votare il partito di Conte, indipendentemente che ci sia io o meno. Il vero tema è un altro, i cittadini ci avevano chiesto di prendere delle istanze, forti, importanti, portarle al Governo, fare le riforme e cambiare il Paese. Ora, invece, quel partito è diventato un partito che sfascia il Governo, che ha buttato giù il Governo Draghi nel pieno della crisi economica e geopolitica più drammatica della nostra storia”, ha aggiunto di Maio.

 

 

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore