Italia

Cosa prevede il nuovo decreto Covid

nuovo decreto Covid

Nessuna zona gialla fino al 30 aprile. Il nuovo decreto Covid prevede un’Italia in zona rossa o arancione. Ecco le novità

Il Consiglio dei ministri ha approvato il nuovo decreto Covid che sarà in vigore dal 7 al 30 aprile. L’Italia si tingerà solo di rosso o arancione, fine della zona gialla. Da metà aprile, il CdM potrà deliberare un allentamento delle misure, qualora l’andamento dell’epidemia e l’attuazione del piano vaccini lo consentano.

Alla fine anche la Lega di Matteo Salvini si è alleata con il presidente del Consiglio Mario Draghi: “D’accordo con il premier: se i numeri dicono rosso è rosso, se giallo è giallo”, ha dichiarato il leader del Carroccio che si è sempre schierato per le riaperture a tutti i costi.

SCUOLA

Come ha più volte sottolineato Draghi, la priorità su tutte le riaperture deve averla la scuola affinché tutti gli studenti possano frequentare in presenza. Stop ai provvedimenti regionali: dal 7 al 30 aprile, scuola in presenza anche in zona rossa fino alla prima media. Per i più grandi che si trovano in questa fascia prosegue, invece, la didattica a distanza.

In zona arancione, anche seconda e terza media svolgeranno le attività scolastiche e didattiche sempre in presenza. Solo le scuole secondarie di secondo grado si organizzeranno con forme flessibili “affinché sia garantita l’attività didattica in presenza ad almeno il 50%, e fino a un massimo del 75%, della popolazione studentesca mentre la restante parte della popolazione studentesca delle predette istituzioni scolastiche si avvale della didattica a distanza”.

scuole

SPOSTAMENTI

Il nuovo decreto Covid vieta visite a parenti e amici in zona rossa; possibili, invece, in zona arancione all’interno della Regione una sola volta al giorno e in un massimo di due persone.

RIAPERTURE

A metà aprile ci sarà una verifica dei dati per valutare possibili riaperture anticipate per bar, ristoranti, palestre, cinema e teatri. Fino ad allora, però, bar e ristoranti restano chiusi. Tuttavia, è possibile (solo per i ristoranti) l’asporto fino alle 18 e la consegna a domicilio senza limiti di orario. Se, a seguito della verifica, si registrerà un miglioramento della situazione, bar e ristoranti potranno riaprire a pranzo.

Parrucchieri, barbieri e centri estetici possono aprire solo in zona arancione.

Palestre, piscine, centri benessere e centri termali saranno aperti solamente per attività riabilitative e terapeutiche, e per gli allenamenti degli atleti, professionisti e non professionisti, che devono partecipare a competizioni riconosciute di rilevanza nazionale con provvedimento del CONI o del CIP.

Fipe Confcommercio ristorazione

PERSONALE SANITARIO

Altra novità, oltre al divieto per i governatori di emanare ordinanze, quella dell’obbligo di vaccinarsi per tutto il personale che opera nella sanità – farmacisti compresi. La vaccinazione diventa quindi “requisito essenziale” per l’esercizio della professione.

Leggi anche: Come funzionerà la somministrazione dei vaccini nelle farmacie

Per chi rifiuta è previsto lo spostamento a “mansioni, anche inferiori” con il “trattamento corrispondente alle mansioni esercitate”. In caso di impossibilità, “per il periodo di sospensione non è dovuta retribuzione”.

Nel decreto ci sarà anche lo ‘scudo penale’ per i somministratori, limitando la punibilità ai soli casi di colpa grave.

CONCORSI PUBBLICI

Il nuovo decreto Covid prevede, inoltre, a partire dal 3 maggio lo sblocco dei concorsi pubblici con procedure semplificate. Tra le principali novità una prova scritta e una prova orale nei soli concorsi per il reclutamento di personale non dirigenziale.

Per i candidati è previsto l’obbligo di un test antigenico effettuato nelle 48 ore precedenti che dimostri la negatività. La prova avrà una durata massima di un’ora e si svolgerà in sedi decentrate a carattere regionale.

Leggi anche: Come cambiano i concorsi col decreto Covid

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore