skip to Main Content

Giallo sulla centrale, arriva il Patto Ue su migranti, nuovo scandalo in Puglia. Le prime pagine

Ue

Giallo sull’esplosione della centrale idroelettrica, arriva il patto sui migranti Ue, arrestato ex assessore Regione Puglia per corruzione, 72 miliardi € l’effetto Superbonus sui conti pubblici. Le prime pagine

GIALLO SULLA CENTRALE IDROELETTRICA

È giallo sulle cause dell’incendio nella centrale idroelettrica Enel. È partita l’inchiesta della Procura per disastro e omicidio colposo e tra le ipotesi c’è lo scoppio di un alternatore, secondo quanto riporta Il Corriere della Sera (“Centrale, giallo sulle cause”). Intanto continuano le ricerche, all’appello mancano 4 dispersi.

Una tragedia che si poteva prevedere, secondo La Repubblica. “Due anni di denunce cadute nel vuoto, troppi subappalti per manutenzione e sicurezza“, si legge sul quotidiano Gedi (“Allarmi inascoltati”). Oggi è previsto lo sciopero di Cgil e Uil contro le morti sul lavoro.

ARRIVA IL PATTO SUI MIGRANTI UE

Il secondo tema che occupa le prime pagine dei principali giornali è l’approvazione dell’Europa del Patto sui migranti. Il piano prevede il rafforzamento dei controlli alle frontiere e l’introduzione di una procedura comune europea per concedere o revocare la protezione internazionale, secondo quanto riporta Il Corriere della Sera (“L’Europa approva il Patto sui migranti. Contrari Pd e Lega”). Il nuovo patto prenderà il via tra due anni e mira ad accelerare il processo di asilo e accelerare il ritorno dei migranti irregolari nei Paesi d’origine.

Un piano che non incontra il favore del Pd e della Lega, secondo quanto sottolinea La Repubblica (“Patto sui migranti. L’Europa si blinda, destra spaccata”). “L’Italia è stata lasciata sola”, è il commento del ministro Matteo Salvini, secondo quanto riporta La Stampa (“Migranti, sì al piano Ue. Piantedosi: una vittoria, Salvini lo sconfessa: L’Italia lasciata sola”).

“Il Patto riflette un’approccio che continua a trattare la migrazione come un’eccezione, un’emergenza invece di riconoscerla come un fenomeno strutturale”, scrive Linardi su La Stampa (“Un’occasione sprecata, si alzano nuovi muri”).

CORRUZIONE, ARRESTATO EX ASSESSORE IN PUGLIA

Un nuovo scandalo colpisce la Puglia. Alfonso Pisicchio, ex assessore della Regione e suo fratello sono stati arrestati nell’ambito dell’indagine avviata dalla Procura di Bari su presunti appalti truccati. Lo riporta il quotidiano Gedi, sottolineando che sono indagati per corruzione, truffa per erogazioni pubbliche e finanziamento illecito ai partiti (“Corruzione in Puglia, arrestato ex assessore”).

Tra gli indagati ci sono anche altre quattro persone, tra dirigenti comunali e imprenditori, aggiunge il maggiore quotidiano nazionale (“Bari, arrestato un ex assessore di Emiliano”).

EFFETTO SUPERBONUS

Il debito pubblico sarà maggiore di 72 miliardi di euro rispetto ai livelli stimati nel Def precedente. Il Documento di Economia e Finanza quantifica “l’impatto del Superbonus sulla finanza pubblica, ammortizzato da una serie di novità intervenute rispetto alla primavera 2023, come la spesa per interessi, che nei nuovi calcoli cresce a ritmi decisamente meno rapidi di quelli temuti lo scorso anno”, scrive Trovati sul Sole 24 Ore (“Def, dall’effetto 110%, 72 miliardi di debito in più”).

“Più che un governo del fare, come ama recitare lo storytelling di Giorgia Meloni, è sempre più un governo del rinviare” commenta Di Giuseppe su Domani (“Tra Def, Pnrr e morti sul lavoro, Melonni e il governo dei rinvii”).

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Back To Top