skip to Main Content

Intel sbarcherà o no in Italia? Il Ceo Gelsinger riapre tutto

Ceo Gelsinger

Secondo il Ceo Gelsinger, intervistato dal Corriere della Sera, “l’Italia è ancora in gioco, ma anche altri Paesi candidati”

Questione Intel. La multinazionale americana vuole sbarcare in Europa con una mega fabbrica. L’idea di lungo termine è quella di investire nel Vecchio Continente 80 miliardi di euro da qui a dieci anni. Un piano annunciato a marzo 2022 in linea con i progetti dell’Unione europea. E c’entra anche il nostro Paese. Con il governo italiano aveva raggiunto un’intesa per la cittadina di Vigasio (Veneto), l’investimento totale nello Stivale ammonta a 4,5 miliardi di euro e – fonte Reuters – assicurerà 5mila posti di lavoro indotto compreso. Quando? Tra due, massimo quattro anni. “Con questo investimento storico, Intel porterà la sua tecnologia più avanzata nel continente, aiutando l’UE a creare un ecosistema di chip europeo di prossima generazione”, annunciava il gruppo.

LO SBARCO DI INTEL IN EUROPA E IN ITALIA

Una scelta, quella di Vigasio per l’Italia, fatta per motivi strategici di miglior collegamento rispetto all’opzione Piemonte con la Germania. A Magdeburgo, infatti, Intel sbarcherà con due stabilimenti.

Intel aveva, sempre a marzo scorso, aggiunto di avviare una prima fase da 17 miliardi di investimenti da indirizzare su tre progetti coinvolgenti Germania e Francia ma anche Irlanda, Italia Polonia e Spagna.

Nel corso dei mesi, però, si sono accumulati ritardi. Come ricostruito dal Sole 24 Ore a novembre, il cambio di esecutivo a Palazzo Chigi non aveva certo facilitato i progressi dei lavori. Il negoziato doveva concludersi a dicembre ma, al netto della sempre presente disponibilità da parte italiana, l’impasse è risultato pressoché inevitabile.

– Leggi anche: Forum di Davos: chi partecipa e cosa c’è da sapere

Fino a mettere sul piatto l’ipotesi definitiva di binario morto.

Sempre a novembre, Luca Zaia – presidente della Regione Veneto – diceva che “esiste una nostra candidatura, immagino che sia stata scelta prioritariamente. Posso garantire che stiamo lavorando da più di un anno e siamo in una fase cruciale”. E lo stesso numero uno della Lega in Veneto chiedeva uno sforzo al nuovo governo, “un passo in più”.

PER IL CEO GELSINGER SIAMO ANCORA IN GIOCO

Arriviamo a oggi. Dopo le frenate, i ritardi e le ipotesi più maliziose, il Ceo Pay Gelsinger ha detto al Corriere della Sera che l’Italia è ancora in gioco.

“Con la Germania stiamo andando avanti. Punto — dice Gelsinger al Corriere in una pausa dei lavori di Davos — Stiamo finendo i negoziati su alcuni aspetti con l’Unione europea e con i tedeschi sulle dimensioni (dell’impianto, ndr) e altro”, si legge sul quotidiano di via Solferino. Al quale Gelsinger ricorda che “il Chips Act europeo non è ancora stato approvato”.

Attualmente, aggiunge il Corsera, “un altro fattore di incertezza, per il Ceo di Intel, riguarda l’ubicazione dell’investimento sul back-end (da 1,5 miliardi per l’azienda, più una somma del governo ospitante di quasi altrettanto)”. Ma, appunto, non si sa ancora la destinazione. “L’Italia è ancora in gioco, ma anche altri Paesi candidati. Stiamo cercando di vedere dove. Decideremo entro l’anno”. Non resta che monitorare il corso della vicenda.

 

– Ascolta la nuova puntata di Capire un tubo: La rabbia dell’Ue basterà a fermare l’IRA degli Usa?

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore