skip to Main Content

Le “sberle” del Papa ad Enrico Letta

Papa Francesco Letta

Cosa ha detto Papa Francesco, ad Enrico Letta e non solo, su migranti ed opposizione al Governo 

Non gliene va bene una al povero Enrico Letta, per quanto egli faccia finta di niente, o quasi, e rilanci su Repubblica “il percorso congressuale che si apre oggi” per portare “alla nascita del nuovo Pd e alla scelta della leadership che lo guiderà in questo tempo di opposizione e di costruzione di un’alternativa alla destra”.

Costretto sabato ad uscire dal corteo romano della pace per sottrarsi agli insulti che gli piovevano addosso come  “assassino” e “guerrafondaio”, convinto che occorra continuare ad aiutare anche militarmente l’Ucraina nella resistenza all’invasione russa, il segretario del Pd ha cercato di recuperare consenso e posizioni a sinistra unendosi alle grida contro il governo per quanto sta accadendo a Catania. Dove dalle navi del volontariato cariche di migranti soccorsi nella loro fuga dalle coste africane il nuovo ministro dell’Interno lascia scendere i più bisognosi di aiuti reclamando che degli altri si occupino i paesi sotto le cui bandiere sono stati raccolti in mare. “E’ inaccettabile che si salvino solo minori e fragili”, ha  detto il segretario del Pd condividendo il rifiuto  di ripartire opposto anche con ricorsi al Tar dalle navi  con naufraghi ancora a bordo.

Purtroppo per Letta  gli è arrivata addosso come una valanga, a questo punto, una protesta del Papa contro i paesi europei che intendono scaricare  ancora solo sull’Italia, come sulla Grecia, su Cipro e sulla Spagna, costituenti i confini meridionali dell’Unione, il problema del soccorso e dell’accoglienza dei migranti. “La politica dei governi  -ha detto testualmente Papa Francesco ai giornalisti, in volo per il suo viaggio nel Golfo Persico- finora è stata di salvare le vite. Credo che questo governo -ha aggiunto parlando di quello italiano ancora fresco di insediamento- abbia la stessa. Non penso voglia altrimenti. Non sarebbe umano. Ho sentito che ha già fatto sbarcare bambini, mamme, malati. Ma l’Italia, questo governo o un altro, non può fare nulla senza l’accordo con l’Europa. La responsabilità è europea”.

Di religione cattolica e di provenienza politica democristiana, come tanti altri amici di partito, non credo che Enrico Letta possa fare spallucce e ripetere quello che ha detto contro il governo gareggiando con la componente del suo partito di provenienza comunista, ma neppure tutta, e con i grillini nella pratica dell’opposizione più dura possibile, e preconcetta.

La presidente del Consiglio Giorgia Meloni, in Egitto per il summit dell’Onu sull’ambiente, si è naturalmente affrettata a ringraziare il Papa, direi due volte. Una per la posizione sul problema dei migranti e un’altra per la valutazione più in generale della situazione politica italiana.

“Il nuovo governo -ha detto il Papa rispondendo ad una specifica domanda- incomincia adesso. Gli auguro il meglio. Io auguro sempre il meglio a un governo perché un governo è per tutti. Gli auguro il meglio perché possa portare l’Italia avanti. E gli altri, quelli contrari al partito vincitore, che collaborino con la critica, con l’aiuto….un governo di collaborazione, non un governo dove gli tolgono il pavimento sotto i piedi e ti fanno cadere se non piace una cosa o l’altra. Per favore, su questo io chiamo alla responsabilità. E’ giusto che dall’inizio del secolo l’Italia abbia avuto venti governi? Ma finiamola con questi scherzi”.

Le parole del Papa -deve avere pensato Giorgia Meloni leggendole- valgono per le opposizioni ma tanto più per le varie componenti della maggioranza. Dove la fase della destra-centro cominciata con la forte prevalenza elettorale del partito della stessa Meloni sugli altri non è stata per niente digerita dal centrodestra rivendicato ogni giorno, per esempio, da Silvio Berlusconi. La cui Forza Italia è stata appena abbandonata a Milano da Letizia Moratti. Che a marzo correrà per la presidenza della regione Lombardia col cosiddetto terzo polo di Carlo Calenda e Matteo Renzi.

Tutti i graffi di Damato. 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore