Italia

Le verità (poco da leader) di Nicola Zingaretti

maggioranza giallorossa zingaretti verità

I graffi di Damato sulle verità (poco da leader) espresse da Nicola Zingaretti 

Nicola Zingaretti, forse noto prima che diventasse segretario del Pd più come fratello di Luca, il commissario Montalbano della fortunata serie televisiva, che come presidente della regione Lazio, e prima ancora presidente della provincia di Roma, è un uomo sicuramente sincero, anche a costo di perdere con questa caratteristica umanamente apprezzabile altre, di astuzia e simili, necessarie ad un leader politico. Lo ha dimostrato in una lunga intervista di ieri alla Stampa, stimolata e raccolta personalmente dal nuovo direttore Massimo Giannini, in cui gli è scappato da fedele di definire “un vero miracolo” il decreto, anzi il decretone varato dal governo con l’intenzione di rilanciare, addirittura, il Paese piegato sotto vari aspetti dalla epidemia virale.

Della natura di questo “miracolo”, come di un’apparizione della Madonna a Medugorje senza bisogno di andarvi in pellegrinaggio, Zingaretti si sarà reso conto maggiormente  leggendo, sullo stesso numero del giornale in cui è stata pubblicata la sua intervista, l’editoriale dell’economista Carlo Cottarelli. Che ha impietosamente contato le 110 mila parole impiegate dagli estensori del decreto, al netto di quelle esplicative della relazione, e le 600 misure adottate, contrapposte peraltro -con la competenza e forse anche la passione  per le cose americane- alle 61 mila parole e 100 misure bastate negli Stati Uniti per tutti i provvedimenti -e non per uno solo- emessi in analoghe circostanze. E si tratta -ha ancora più impietosamente avvertito Cottarelli- di un decretone, quello appena varato- ripeto- dal governo italiano, insufficiente o incompleto, come gli altri usciti da Palazzo Chigi dalla proclamazione dell’emergenza. Gli mancherebbe alla fine l’avvertenza del “continua”, come l’editorialista ha ironicamente fatto chiudendo il suo commento.

Un’altra sincerità umanamente simpatica ma politicamente rischiosa per un leader, che mostra al tempo stesso di tenere alla durata del governo perché convinto della mancanza di una seria alternativa diversa dalle elezioni in mascherina, come ha del resto avvertito lo stesso presidente della Repubblica, è quella mostrata da Zingaretti sui rapporti non proprio idilliaci col  partito maggiore della combinazione ministeriale.

“Loro pensavano di dettare l’agenda e di svuotare il Pd in pochi mesi”, ha detto Zingaretti parlando dei grillini e confermando implicitamente la paura che ne aveva nella scorsa estate, quando lui, resistendo alla linea e alle pressioni di Dario Franceschini, continuava a preferire il ricorso anticipato alle urne, finchè non fu scavalcato a sorpresa nel Pd da Matteo Renzi e non decise di inseguirlo sulla strada dell’accordo. “Ora -si è vantato Zingaretti lasciandovi immaginare le reazioni dei vari Di Maio, Crimi e amici, emerse e sommerse- sta succedendo l’esatto contrario. Il Movimento si sta dividendo, senza afflato unitario, né slanci di condivisione, e sta perdendo consensi. Noi, che invece temiamo una posizione seria e coesa, stiamo risalendo la china e ormai siamo a un passo dalla Lega”. Che ai suoi tempi di governo con i grillini si guardò bene dal vantarsi di averli doppiati nelle elezioni europee di fine maggio 2019.

Ricordo ancora il giorno in cui, un mese dopo il barbaro assassinio del suo carissimo amico Aldo Moro, l’allora ministro democristiano del Bilancio Tommaso Morlino mi commentò riservatamente le perdite subite dai comunisti, partecipi della maggioranza di cosiddetta solidarietà nazionale, in un turno di elezioni amministrative e i guadagni dello scudocrociato: “Peccato -mi disse- che non possiamo vantarcene. Aldo non lo avrebbe fatto e non ce l’avrebbe permesso”.

TUTTI I GRAFFI DI DAMATO

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore