L’identikit di Minenna, l’uomo scelto per guidare Consob

Policy Maker

Notizie e commenti da e per chi prende decisioni

Italia

L’identikit di Minenna, l’uomo scelto per guidare Consob

L’identikit di Minenna, l’uomo scelto per guidare Consob

La conferma è arrivata dal vicepremier Di Maio che ha pubblicato sciolto le riserve sul nome dell’ex assessore al Bilancio del comune di Roma

È Marcello Minenna, responsabile dell’ufficio Analisi quantitative e innovazione finanziaria della Consob, nel 2016 per pochi mesi assessore al Bilancio del Comune di Roma guidato da Virgina Raggi, ruolo da cui si è dimesso nel settembre di quell’anno, il nome indicato da M5S e Lega alla presidenza Consob.

DI MAIO HA SCIOLTO PUBBLICAMENTE LA RISERVA

A sciogliere pubblicamente la riserva, parlando con l’Adnkronos, è stato il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio, confermando che l’accordo con l’alleato di governo sulla presidenza dell’autorità per il controllo delle attività delle società e della Borsa è cosa fatta.

LA POLTRONA CONSOB VACANTE DA METÀ SETTEMBRE

Il posto di numero uno della Consob è vacante dalla metà di settembre scorso dopo le dimissioni di Mario Nava e dovrebbe essere all’ordine del giorno del prossimo Consiglio dei ministri in programma per domani 10 gennaio.

CHI È MINENNA

Il nome di Minenna era già circolato ampiamente nelle scorse settimane, affiancato a quelli di Alberto Dell’Acqua e Donato Masciandaro. Ma chi è Minenna? Laureato in economia aziendale in Bocconi nel 1994, è entrato in Consob nel 1996 ed è stato come detto, anche assessore di Roma Capitale, nella giunta Raggi, con delega al Bilancio, Patrimonio, Riorganizzazione delle Partecipate, Politiche Abitative e Spending Review (luglio-agosto 2016). Attualmente è responsabile della task force Mifd 2 nell’ambito del Comitato per l’Analisi Economica e dei Mercati dell’Esma.

COME VIENE NOMINATO IL PRESIDENTE DI CONSOB

La Consob è un organo collegiale composto da un presidente e da quattro commissari, nominati con decreto del presidente della Repubblica, su proposta del presidente del Consiglio dei Ministri. Il quale deve a sua volta acquisire i pareri favorevoli delle commissioni Finanze di Camera e Senato. La nomina è sottoposta poi al visto della Corte dei Conti, che deve dare il via libera alla registrazione del provvedimento. L’incarico del presidente e dei commissari dura sette anni e non è rinnovabile.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore