Italia

Lobby, cresce il fatturato ma manca una legge

Parlamentari

Malgrado la mancanza di una legge di regolamentazione nel nostro paese (ma in Europa solo sei Stati membri ce l’hanno), il fatturato dei primi dieci player di settore è in crescita complice anche la novità del governo giallo-verde

Lobby sempre più radicate nei processi decisionali e con un giro d’affari in crescita. Dopo anni di lavoro nell’ombra, a differenza degli Stati Uniti ad esempio, dove sono legittime e radicate nella cultura nazionale, oggi una prima forma di regolamentazione nel nostro paese è arrivata con l’istituzione di un registro alla Camera (ma ce ne sono anche al ministero dello Sviluppo economico e della Pubblica amministrazione), considerato però non sufficiente per le imprecisioni e la mancanza di informazioni contenute, tanto da far invocare una legge di regolamentazione delle lobby su cui lavora da tempo, Italia Decide, la fondazione culturale di cui fanno parte Giuliano Amato, Gianni Letta, Pier Carlo Padoan e Giulio Tremonti.

lobbyIN ITALIA LOBBY NON REGOLAMENTATE PER LEGGE MA SIAMO IN BUONA COMPAGNIA IN UE

L’Italia non è però l’unico paese a non aver regolamentato il fenomeno: solo sei paesi sui 29 dell’Ue hanno introdotto delle leggi di settore e sono Austria, Irlanda, Lituania, Polonia, Regno Unito e Slovenia.

CRESCE IL GIRO D’AFFARI DEI PRIMI DIECI PLAYER DEL SETTORE NEL NOSTRO PAESE

Tornando al nostro paese, complice anche la novità del governo giallo-verde, il lavoro delle lobby sembra essere aumentato. A testimoniarlo lo dimostra il giro d’affari dei primi dieci player del mercato “che ha registrato una crescita media annua, su base triennale del 30,5%”, scrive Milano Finanza. A fine 2017 le prime dieci aziende attive nel settore avevano prodotto “un fatturato aggregato di 29,47 milioni, in crescita del 24,4% rispetto all’anno precedente” . Tra i settori che più fanno ricorso al lobbying rientrano la sanità, i servizi finanziari, l’hi-tech, le telecomunicazioni e il comparto infrastrutture e logistica.

LA TOP TEN ITALIANA

In cima alla classifica dei ricavi siede, ormai da tempo, la Cattaneo Zanetto & Co fondata nel 2005 da Alberto Cattaneo e Paolo Zanetto, che ha chiuso il bilancio dello scorso anno con un fatturato di 6,26 milioni, un +22,5% sul 2016, e un utile netto di 1,44 milioni di euro (+88%). In seconda posizione si piazza la Comin&Partners fondata nel 2014 da Gianlunca Comin – già presidente di Ferpi e alla guida delle relazioni istituzionali di Montedison, Telecom ed Enel – e in poco tempo ai vertici in Italia con un fatturato di 5,18 milioni di euro (+21%) e utili per 778 mila euro (+9%). Al terzo posto la InRete di Simone Dattoli con ricavi per 4,36 milioni di euro (+72%) e un utile di quasi 100 mila euro (-0,4%). Con ricavi di poco superiori ai 3,3 milioni di euro (+0,7%) troviamo poi la FB Associati di Fabio Bistoncini e un utile di 302 mila euro (+9,5%), Utopia Lab con 2,33 milioni di ricavi e un utile di circa 135 mila euro, la Apco (fatturato di 2,2 milioni e profitti per 130 mila euro), OpenGate (fatturato di 1,85 milioni e utile di 49 mila euro), Reti/Quicktop (ricavi per 1,63 milioni e utile di 15mila euro), Nomos Csp (ricavi per 1,2 milioni e profitti per 43mila euro) e Telos/Fipra (ricavi di quasi 1,1 milioni e utili per 165 mila euro).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore