Italia

Mafia Capitale finisce tra i rifiuti di Roma

mafia Capitale

La malavita romana è di natura così ordinaria, da associazione a delinquere. I Graffi di Damato sulla sentenza definitiva della Cassazione su “Mafia Capitale”

Tra i rifiuti a Roma, in condizioni di ormai cronica emergenza, è dunque finita dopo la sentenza definitiva della Cassazione la “Mafia Capitale”, con le virgolette tutte al loro posto, scoperta e fatta processare dalla Procura dei tempi di Giuseppe Pignatone. Il quale, già smentito dalla sentenza di primo grado rovesciata però in appello, non avrà accolto bene la notizia — penso — nella nuova postazione di capo del tribunale del Vaticano. Dove è approdato il 3 ottobre scorso per volontà personale del Papa, spero non nella presunzione, sospetto e quant’altro che la mafia si sia affacciata anche oltre le Mura, visto ciò che vi accade da qualche tempo e che ha procurato al Pontefice un bel po’ di delusioni e preoccupazioni.

LA REAZIONE DI RAGGI E MORRA

Non hanno preso bene il verdetto della Cassazione, pur nel dovuto e dichiarato “rispetto” per il suo verdetto, neppure la sindaca di Roma Virginia Raggi e il presidente della Commissione parlamentare antimafia Nicola Morra, accomunati dall’appartenenza al Movimento delle 5 Stelle e dalla convinzione che a Roma la mafia ci fosse stata davvero, con il Campidoglio costituitosi parte civile nel processo. Per i due pentastellati la delusione è stata doppia, avendo voluto accorrere insieme al processo a sentire il verdetto, prevedendolo evidentemente di tutt’altro segno.

LA NATURA DELLA MALAVITA ROMANA

La malavita romana è di natura diciamo così ordinaria, da associazione a delinquere, per la quale gli imputati si vedranno perciò ricalcolare, cioè ridurre, le pene che naturalmente meritano. È una consolazione modesta, d’accordo, come ha praticamente sostenuto nella sua imbarazzata reazione la sindaca Raggi. Che però è nella condizione, diciamo così, scomoda di essere riuscita a scalare il Campidoglio perché una parte almeno dei suoi elettori era stata autorizzata dall’autorità giudiziaria a sospettare che i suoi predecessori avessero lasciato devastare il Comune anche dalla mafia, e non solo dalla criminalità comune. O no? La sindaca fu aiutata a vincere la sua partita, di cui i romani stanno in  prevalenza non godendo ma subendo gli effetti, da quella “fiction”, come giustamente l’ha definita nel titolo di prima pagina Il Foglio, che si è rivelata “Mafia Capitale”.

L’ESITO DEL PROCESSO “MAFIA CAPITALE”

L’esito del processo dovrebbe ispirare fiducia nella Giustizia, con la maiuscola, che alla fine riesce a ristabilire una certa differenza tra la fiction, appunto, e la realtà, per quanto anch’essa assai grave, per carità. Eppure c’è qualcosa che lascia ugualmente l’amaro in bocca. È ciò che politicamente è o può essere accaduto fra il momento dell’accusa e il momento del verdetto finale, e cui non c’è sentenza che possa rimediare. Ciò riporta al problema del rapporto fra la giustizia e la politica, o fra la giustizia e l’opinione pubblica: quella che recentemente, parlando d’altro e più in alto, e ispirandosi al Manzoni dei Promessi Sposi, il presidente della Repubblica ha definito “il senso comune” quando prende ingiustamente e rovinosamente il posto del “buon senso”.

 

TUTTI I GRAFFI DI DAMATO

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore