Ecco cosa sappiamo della manovra

Policy Maker

Notizie e commenti da e per chi prende decisioni

Italia

Ecco cosa sappiamo della manovra

Ecco cosa sappiamo della manovra

Tagli ai ministeri e alle tax expenditure. Pace fiscale e flat tax per imprese. Pensioni e reddito di cittadinanza. Ma anche nessun aumento dell’Iva e cedolare secca sui negozi al 21%

Della manovra sappiamo che terrà i conti i ordine come ha detto il premier Conte, l’Iva non aumenterà e si interverrà sulla Fornero, il reddito di cittadinanza e ci sarà un abbassamento delle tasse. Il tutto finanziato con tagli ai ministeri, con una sforbiciata ad alcune detrazioni o sussidi, un ritocco delle norme fiscali per il settore alimentare e la pace fiscale. Ma per saperne di più occorrerà aspettare il Def previsto entro il 27 settembre. “Il Governo procederà in quella sede all’individuazione degli ambiti di intervento” e “a fornire il quadro delle diverse misure volte ad assicurare la realizzazione del contratto di Governo che troveranno concreta attuazione mediante la stesura del prossimo disegno di legge di bilancio e la manovra finanziaria per il 2019”, ha detto il ministro Tria.

SI SFORA CON IL DEFICIT: 1,6%, 1,7% o 2%?

Innanzitutto lo sforamento del deficit. Si è parlato dell’1,6% come tetto massimo. Tria resta fermo nelle sue convinzioni, risoluto nel ribadire che alzare l’asticella del deficit oltre l’1,6% non si può e soprattutto non si deve fare anche per non incappare negli strali di Bruxelles. Al massimo si può pensare a uno scostamento fino all’1,7%, ma non certamente pensare di andare oltre il 2 per cento come chiesto da Di Maio che ha rivolto parole di fuoco al titolare di via XX settembre (“Un ministro serio i soldi li deve trovare”).

UN TAGLIO FINO A 50 MLN PER OGNI MINISTERO?

Il Governo, sembrerebbe aver chiesto a ogni ministero con portafoglio di tagliare la spesa corrente di 40-50 milioni di euro e ogni dicastero è al lavoro per individuare i capitoli da ridurre. I ministeri sono 12 e il taglio si aggira tra i 480 e i 600 milioni di euro, sena contare la presidenza del Consiglio.

NESSUN AUMENTO DELL’IVA

Il ministro dell’Economia, Giovanni Tria lo ha ribadito a più riprese e lo ha confermato anche il premier Conte: “L’abbiamo detto dal primo discorso in Parlamento che bloccheremo l’aumento dell’Iva”. Vale circa 12,5 miliardi.

TAX EXPENDITURE NEL MIRINO PER TROVARE RISORSE

La flat tax? Va finanziata con un riordino profondo delle tax expenditure“. Cioè la giungla di deduzioni, detrazioni, esenzioni e regimi speciali che quest’anno costeranno alle casse pubbliche oltre 75 miliardi. A rilanciare la necessità di intervenire è stato il ministro dell’Economia Giovanni Tria. Nel contratto di governo è inserita nero su bianco la “revisione del sistema delle deduzioni e detrazioni”. Un sistema che negli anni è arrivato a comprendere 636 voci. Alcune “sensibili” come gli sconti per la prima casa e le spese sanitarie. Altre bollate come “dannose per l’ambiente”. Molte le proposte circolate nelle ultime ore: si va dal ritocco alle norme fiscali nel settore alimentari – un aumento del prelievo fiscale sul junk food – a sforbiciate nel comparto energetico che con 11,6 miliardi, rappresenta la quota maggiore dei circa 16 miliardi di “sussidi ambientali dannosi”, come ha riferito il viceministro dell’Economia Laura Castelli. Un documento dell’ufficio valutazione impatto del Senato di maggio ha già suggerito di rimuovere progressivamente i sussidi dannosi puntando a recuperare il gettito per altri utilizzi, o di puntare a una riforma ancorando i sussidi al soddisfacimento di requisiti ambientali. Dal documento emerge che, dopo il comparto energia figura la voce Iva con 3,5 miliardi. Molto più modesto l’importo relativo all’agricoltura (154 milioni), che, a sua volta, detiene il monopolio dei sussidi diretti erogati a beneficio dell’allevamento intensivo.

L’Ufficio valutazione impatto del Senato, che ha appena pubblicato sul proprio sito un dossier ad hoc, ricorda che esistono 466 spese fiscali erariali e 170 locali per un totale di 75,2 miliardi di minori introiti per lo Stato. Solo tra 1 gennaio 2016 e 30 giugno 2017 (governi Renzi e Gentiloni) ne sono state introdotte 44, dalla detassazione dei premi di produttività al superammortamento alla cedolare secca sugli affitti, per 4,8 miliardi di minori entrate. Ma il vero nodo riguarda la ripartizione dei vantaggi. Tre sole agevolazioni vanno a beneficio di più di 10 milioni di contribuenti: si tratta della deduzione della rendita della prima casa (26,1 milioni di beneficiari per 141,4 euro di vantaggio pro capite e un costo di 3,6 miliardi), della detrazione per spese sanitarie e di assistenza (che costa allo Stato 3,1 miliardi e consente a 17,5 milioni di persone di risparmiare in media 178 euro) e del bonus 80 euro di Renzi che come è noto costa circa 9 miliardi e va a 11 milioni di italiani, al netto di quelli che hanno dovuto restituirlo. E ancora: all’autotrasporto vanno 1,2 miliardi di rimborsi, le compagnie aeree ne risparmiano 1,5, l’aliquota ridotta sui prodotti energetici usati nei lavori agricoli e nell’allevamento prende 830 milioni l’anno e l’accisa agevolata sul gasolio di cui beneficiano tutti gli automobilisti che costa 4,9 miliardi l’anno. Gli incentivi per l’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili costano 5,7 miliardi, ma comunque riducono le emissioni e la dipendenza energetica dall’estero. L’esonero delle prime case dalla Tasi vale 3,5 miliardi, la detrazione per le spese di istruzione 450 milioni l’anno. Nove agevolazioni garantiscono vantaggi pro capite superiori a 60mila euro a pochissimi soggetti. Per esempio la tassazione ridotta sugli “apporti ai fondi immobiliari chiusi” costerà quest’anno oltre 790mila euro all’erario e a beneficiarne sono solo quattro società. E ancora: la tonnage tax, un’agevolazione fiscale per gli armatori, permette a 79 aziende di risparmiare 467mila euro l’una, mentre l’imposta forfettaria sulle navi commerciali iscritte al registro internazionale garantisce 234mila euro di vantaggi pro capite a 90 imprese marittime. Tra crediti di imposta e forfait, i favori agli armatori costano 276 milioni l’anno. Più di sette volte la cifra (34 milioni l’anno) stanziata per la deduzione delle donazioni a ong e onlus. Infine esistono incentivi come il bonus mobili e grandi elettrodomestici per chi ristruttura casa, che costa 272 milioni l’anno e il “bonus verde” per rinnovare giardini e terrazzi. Le agevolazioni “casa e assetto urbanistico” costano per il 2018 oltre 18 miliardi, con le detrazioni per ristrutturazioni edilizie a fare la parte del leone (6 miliardi di mancati introiti fiscali) seguite dagli interventi di riqualificazione energetica, che costano allo Stato 1,6 miliardi l’anno ma migliorano le prestazioni del parco edifici che è ancora il principale responsabile dell’inquinamento dell’aria.

CAPITOLO PENSIONI: QUOTA 100 E CITTADINANZA

“Manterremo i conti in ordine iniziando a smantellare la Fornero e riducendo le tasse per i dimenticati da Renzi e la sinistra, ovvero le partite Iva, i commercianti, i piccoli imprenditori e gli artigiani; sulla pace fiscale con Equitalia si va avanti; semplificazione. Manterremo i conti a posto e cominceremo a mantenere gli impegni presi con gli italiani”, ha detto Matteo Salvini aggiungendo che se “andrà tutto bene, come governo riusciremo a mandare in pensione l’anno prossimo 3.000- 4.000 italiani e lasciare quei posti a 3.000-4.000 giovani”. La Lega punta decisa alla proposta quota 100 – 62 anni di età e 38 di contributi “con oneri sopportabili per la finanza pubblica. Sarà realizzata con misure di buon senso, compresa la pace contributiva nell’ottica di favorire l’aumento volontario della contribuzione da parte dei lavoratori”. Per quanto riguarda invece le Pensioni di cittadinanza, M5s punta a portare le minime a 780 euro. Secondo i calcoli degli esperti, la misura riguarderebbe 800mila pensionati e servirebbero 4 miliardi, mentre per alzare anche quello di circa 1 milione di invalidi civili (assegno a 282 euro) ne servirebbero almeno altri 6.


REDDITO DI CITTADINANZA

Il reddito di cittadinanza dovrebbe riguardare solo i cittadini italiani. Lo ha confermato Di Maio e ribadito il leader di Carroccio Salvini. Sono 780 euro per una spesa di 10 miliardi di euro a partire dal 2019 che il Movimento Cinque Stelle punta di ottenere stabilizzando innanzitutto le risorse già presenti in bilancio per il Rei, circa 2,6 miliardi. Il primo passo sarà comunque il potenziamento dei centri per l’impiego. A disposizione ci sono 750 milioni che si punterebbe a raddoppiare, utilizzando anche i fondi europei.

LA FLAT TAX

Sarà del 15% per le aziende e per i regimi dei minimi fino a 65 mila euro e poi per tutto il sistema imprese Ires al 15% in caso di reinvestimento, assunzioni, aumenti di capitale,invogliando i giovani ad aprire partita Iva (da chiarire che fine faranno gli attuali ammortamenti di Industria 4.0 e l’Ace). In sostanza l’obiettivo è estendere la platea ad autonomi, Snc, Sas e Srl che optano per il regime di trasparenza con ricavi fino a 65mila euro. Dai 65mila ai 100mila euro si pagherebbe un 5 per cento di addizionale. Per startup e attività avviate da giovani under 35 resterebbe lo sconto al 5 per cento. Il costo è di circa 1,5-1,7 miliardi.

FONDO RISPARMIATORI COLPITI DAL CRACK FINANZIARIO DELLE BANCHE

Il governo è alla ricerca di 1 miliardi di euro per incrementare il fondo risparmiatori colpiti dal crack finanziario delle banche. Se non si troveranno le risorse per raggiungere tale cifra è certo è che con la manovra ci sarà comunque un aumento del fondo attuale. Tra le ipotesi di copertura si pensa ai Fondi polizza dormienti. Al tempo stesso verrà rivista anche la norma salva-risparmiatori per ampliare la platea degli indennizzati, anche modificando l’ordine “cronologico” di coloro che potranno accedere alle risorse come requisiti reddituali e patrimoniali.

LA PACE FISCALE

Sul punto c’è contrasto tra Lega e M5S che non vogliono condoni. Innanzitutto verrà lanciata la fattura elettronica che va di pari passo con pace fiscale: con il regime dei minimi a 65mila euro i piccoli ne sono esonerati. La pace fiscale sarà inserita nella Legge di Bilancio 2019 o nel decreto fiscale collegato e il Governo punta ad incassare una somma che si aggira attorno ai 3,5 miliardi di euro. Ancora difficile parlare di cifre: la Lega ha più volte fissato l’asticella al 15 o al 20% del debito. Le ultime notizie sulla pace fiscale arrivano direttamente dal Sottosegretario al MEF Massimo Bitonci, il quale ha affermato che l’obiettivo del Governo è quello di estendere il più possibile la rottamazione delle vecchie cartelle, che potrebbe riguardare anche le multe mentre al momento pare siano esclusi IVA e contributi INPS. L’ipotesi è quella di estenderla ai debitori fino a 1 milione di euro.

ALTRE MISURE

Saranno proposte anche la cedolare secca sui negozi al 21%, il taglio delle accise sulla benzina e il 100% del turn over per tutte le forze dell’ordine.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Autore

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore