Italia

Perché è bene tenere Renzi lontano da Roma. Parla Damato

Renzi

I Graffi di Damato su una eventuale recupero della riforma costituzionale di Matteo Renzi

Come le cose piccole, di noi presi singolarmente con un nostro problema imprevisto, moltiplicato solo dagli accidenti per chissà quante altre volte, per esempio uscire da una sola operatoria apparentemente come si era entrati, storditi ma col cuore salvato, ci fanno perdere davvero la bussola e renderci inconsapevoli della nostra intrinseca, umana e incommensurabile debolezza.

Ha avuto coraggio Emilio Giannelli a subire ed esprimere nella sua vignetta di prima pagina sul Corriere della Sera la tentazione di un nuovo avvio. Ed è fuggito dal disordine del Covid, delle loro morti, della nostra spavnetuosa inadeguetezza a tutto, aggravata dalla solita presunzione di sapere tutto e di poterne uscire con  le solite operazioni da rammendo, immaginando un nuovo, possente Michelangelo a restituirci la nuova vita.

Ad averlo un nuovo Michelangelo, portarlo nella Cappella Sistina da Papa Bergoglio con quel nome miracoloso di Francesco.

Se in un attimo di sbandamento, quasi ancora sotto i ferri, con le ultime cose sentite e lette della nostra quotidianità, sono stato così mallacorto da recuperare la riforma costituzionale di Matteo Renzi sventatatamemte bocciata cinque anni fa dagli italiani e restitituire  un ordine alle competenze locali capaci di sopravvavivere a una pandemia sciaguratamente lasciata alle competenze regionali, provate ad immaginare davvero, essendo peraltro di quelle parti, il senatore di Scandicci sotto i soffitti della Sistina tornare a proporci la “nuova vita”, come l’ha chiamata Giannelli.

Che altri guai riuscirebbe a combinare Renzi portando alla dannazione stavolta Bergoglio. Altro che le mie ingenue aperture di credito, nonostante tutti i casini  combinati l’anno scorso -scusate la parolaccia- spingendo all’alleanza di governo il suo Pd e i grillini. E ritrovandosi adesso insieme col rottamato più storico della sua covata -Massimo D’Alema- su una strada che farebbe trabocccare gli ospedali come le discoteche dell’estate scorsa, nella rappresentazione fatta sul Secolo XIX da Stefano Rolli. Per carità, non facciamone niente.

TUTTI I GRAFFI DI DAMATO

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore