Italia

Perché si riparla di una possibile fusione Nexi-Sia

Chi spinge per un campione nazionale nel settore dei sistemi di pagamento? Ossia: chi auspica davvero che ci sia una fusione tra le società Sia e Nexi?

Sono le due domande che da giorni si rincorrono negli ambienti della finanza e pure, in parte, della politica, visti i pour parler in ambienti bancari e il lavorìo di consulenti pronti a studiare piani e strategie.

Gli occhi sono appuntati sulla Cassa depositi e prestiti che indirettamente ha una quota di peso della società Sia.

CHE COSA HA SCRITTO OGGI IL SOLE

Ha scritto ieri il Sole 24 Ore: “La Cassa Depositi e Prestiti riprende in mano il dossier del gruppo Sia, tra i leader nella progettazione, realizzazione e gestione di infrastrutture per le istituzioni finanziarie, banche, imprese e pubbliche amministrazioni, nelle aree dei pagamenti e della monetica. Allo studio ci sono le possibili opzioni di crescita e valorizzazione della partecipata”.

IL NUOVO VERTICE DI SIA

Tutto nasce anche alla fine dello scorso anno, quando è stato nominato il nuovo amministratore delegato di Sia, Nicola Cordone, gradito soprattutto dalla Cassa depositi e prestiti. La Cdp, secondo il Sole, punta a consolidare la posizione di campione nazionale di Sia nel settore dei sistemi di pagamento.

I DUE SCENARI

Due gli scenari, secondo Carlo Festa del Sole 24 Ore: “La quotazione a Piazza Affari per Sia oppure, in alternativa, la fusione con un altro operatore e il successivo sbarco sempre in Borsa. Il candidato alle nozze è il gruppo Nexi, controllato dai fondi Bain Capital, Advent e Clessidra”.

LE INDISCREZIONI DI START

Ma chi spinge davvero sulla fusione? Il progetto Nexi-Sia rientrerebbe negli auspici di alcuni soci forti di Nexi, pronti a uscire. Si tratterebbe in particolare dei fondi americani Bain e Advent che avevano sondato già altri gruppi – nordamericani e asiatici – per vendere le quote di Nexi.

GLI AUSPICI DELLA MAGGIORANZA DI GOVERNO

Anche la maggioranza di governo c’è chi spinge sul progetto di fusione. In ambienti del Movimento 5 Stelle capeggiato da Luigi Di Maio c’è chi vede di buon occhio un’aggregazione del genere (Sia-Nexi) con un perno-comando pubblico nelle mani della Cdp. E la Cassa che fa? Nulla è stato deciso, trapela dal gruppo controllato dal Tesoro.

PROSPETTIVE E PROBLEMI

Fra i tecnici del settore c’è chi sottolinea la integrabilità industriale delle due società e chi invece rimarca che ci potrebbero essere delle sovrapposizioni con ricadute occupazionali negative.

CHE COSA SI AGITA IN NEXI

I fondi azionisti di Nexi puntano infatti – come scrive ieri Manuel Follis di Mf/Milano Finanza – “ad abbassare il debito della società veicolo Mercury tramite la quale i fondi controllano la stessa Nexi. Una scelta dettata anche dalla mancata Ipo di Nexi”. Che continua a slittare.

(estratto di un articolo di Michele Arnese pubblicato su StartMag.it; qui l’articolo integrale)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore