skip to Main Content

Scintille a 5 stelle sulla Cina

5 Stelle

I Graffi di Damato. Di Maio imballato come ministro degli Esteri e pentastellato dopo il G7

A vedere e sentire Luigi Di Maio nel salotto televisivo di Bianca Berlinguer annaspare come ministro degli Esteri ed esponente di primo piano del Movimento 5 Stelle sul G7 appena svoltosi in Cornovaglia, non si sapeva, francamente, se piangere o ridere, se compatirlo o scandalizzarsene. “Non credo – egli ha detto ad un certo punto, difendendosi in particolare dalle incalzanti domande di Lucia Annunziata, spalleggiata dalla conduttrice – che “abbia sconvolto le sorti del G7 la visita di Grillo” all’ambasciatore cinese a Roma, durata tre ore a ridosso del vertice internazionale.

Il ministro fingeva, a quel punto, di non rendersi conto che le polemiche, i dubbi, i sospetti e quant’altro creati da quella visita, alla quale si era fortunatamente sottratto all’ultimo momento il nuovo capo in pectore del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte, erano già superate per l’ulteriore iniziativa assunta da Grillo. Che in qualità non di un comune cittadino o di un comico in servizio permanente effettivo ma di “garante” del Movimento, riconosciuto “insostituibile” da Conte, aveva deciso di ospitare e diffondere sul suo blog un articolo di Andrea Zhok, professore di antropologia e filosofia a Milano, in cui si liquidava il G7, ma anche il successivo summit della Nato, come “una parata vetero-ideologica” guidata contro la Russia e soprattutto la Cina dal nuovo presidente degli Stati Uniti. Che avrebbe il torto di difendere, riproporre, rilanciare e quant’altro “la propria unilaterale supremazia mondiale”, trattando praticamente gli alleati come subordinati.

Leggi anche: Draghi archivia il contismo

Come si possa conciliare questa visione delle cose e degli uomini – presumibilmente condivisa da Grillo prima, durante e dopo il suo lungo incontro all’ambasciata cinese a Roma – con quella del presidente del Consiglio Mario Draghi, partecipe non certo dissenziente sia al G7 sia al summit della Nato, Di Maio non ha voluto e saputo spiegare. E neppure come si concili quella partecipazione di Draghi, e i giudizi compiaciuti da lui espressi in entrambe le sedi internazionali, con la sua posizione e il suo stesso ruolo di ministro degli Esteri. Ch’egli peraltro ha rivendicato nell’organizzazione del G7, pur non dovendovi partecipare.

Escluso ogni “imbarazzo” anche per la riserva espressa esplicitamente dal presidente del Consiglio di “esaminare” l’applicazione e quant’altro dell’intesa commerciale con la Cina sottoscritta nel 2019 dallo stesso Di Maio come ministro dello Sviluppo economico nel primo governo Conte, il ministro degli Esteri senza neppure rendersi conto della situazione paradossale in cui stava mettendosi ha detto, precisato, assicurato e quant’altro di essere perfettamente d’accordo con l’ex presidente del Consiglio e nuovo capo del MoVimento 5 Stelle. Ma che cosa Conte pensi esattamente delle cose dette da Draghi durante e dopo i due vertici internazionali non è dato sapere esattamente finora. Si sa solo che, pur continuando a fare parte della maggioranza, e deciso a “sostenere lealmente” il nuovo governo, egli si è pubblicamente pronunciato contro buona parte delle decisioni da esso adottate, evidentemente troppo condizionate dalle componenti di centrodestra.

Il pasticcio insomma c’è tutto, e rimane. Anzi, aumenta ogni volta che qualcuno cerca di chiarirlo o solo ridurlo.

TUTTI I GRAFFI DI DAMATO

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore