skip to Main Content

Tax Credit Videogiochi al via, ma l’associazione IIDEA mugugna lo stesso

Tax Credit Videogiochi

L’associazione di produttori, sviluppatori e distributori italiani: “Da noi Tax Credit Videogiochi inferiore al resto d’Europa. Prossimo anno aumentare i fondi”

La prima sessione del Tax Credit Videogiochi si chiuderà a mezzanotte del 31 gennaio 2022. Le imprese interessate possono fare domanda attraverso il portale online DGCOL, presente sul sito della DG Cinema e Audiovisivo. Si entra solo da registrati o attraverso l’autenticazione offerta da Spid. La disposizione prevede un’aliquota del 25% del costo di produzione a favore delle imprese produttrici di videogiochi di nazionalità italiana, riconosciuti di valore culturale da un’apposita commissione esaminatrice, fino all’ammontare annuo massimo di 1.000.000 di euro.

Il Tax Credit Videogiochi è uno strumento di sostegno all’industria dei videogiochi che è stata già adottato con successo in tanti Paesi europei, che consente di attrarre investimenti importanti e di creare centinaia di nuovi posti di lavoro altamente qualificati. Tuttavia, la dotazione finanziaria per il primo anno, pari a 5 milioni, per effetto del decreto di ripartizione del Fondo Cinema e Audiovisivo del 5 febbraio 2021, non soddisfa la principale associazione di categoria del comparto: IIDEA, che commenta: “Una dotazione decisamente al di sotto di quanto fanno nel resto d’Europa: non pensiamo soltanto alla Francia apripista o alla Germania con i suoi 50 milioni l’anno, ma anche a paesi più piccoli come nel caso più recente, l’Irlanda che lo scorso ottobre ha annunciato l’istituzione di un credito d’imposta per i videogiochi che riconoscerà fino a 25 milioni di euro per singola produzione”.

COME FUNZIONA IL TAX CREDIT VIDEOGIOCHI

Il credito d’imposta e le altre misure di sostegno pubblico non possono superare, complessivamente, la misura del 50% del costo eleggibile del videogioco. I soggetti beneficiari dovranno avere sede legale nello spazio economico europeo, essere soggetti a tassazione in Italia per effetto della residenza fiscale o in presenza di una stabile organizzazione in Italia e possedere un capitale sociale minimo e patrimonio netto non inferiori a 10.000 ciascuno. Il beneficio, inoltre, spetta a condizione che un importo non inferiore al credito d’imposta riconosciuto sia speso nello spazio economico europeo.

“È dunque evidente – continuano dalla associazione di categoria – che la copertura finanziaria prevista dall’Italia è gravemente insufficiente e se vogliamo che il nostro Paese sia realmente competitivo in questo settore e capace di attrarre maggiori investimenti da parte delle imprese italiane e dei grandi publisher internazionali, dobbiamo puntare ad aumentare la capienza della misura a partire dal prossimo decreto di ripartizione del Fondo Cinema e Audiovisivo 2022 – tanto più ora che il fondo in oggetto è stato recentemente finanziato in Legge di Bilancio con la cifra record di 750 milioni di euro – e a rimuovere o innalzare sensibilmente l’attuale limite di 1 milione per impresa”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore