skip to Main Content

Toti non si dimette, revisione Superbonus, le toghe bocciano Nordio, rimpasto al Cremlino. Le prime pagine

Mattarella

Il Presidente della Liguria Giovanni Toti non darà le dimissioni, i magistrati dell’ANM bocciano la riforma di separazione delle carriere, il Governo vuole cambiare le scadenze per il superbonus,  Putin mette un civile a capo del ministero della Difesa

TOTI, LE DIMISSIONI POSSONO ASPETTARE, L’INCHIESTA DI ALLARGA ALLA SANITÀ

Il Governatore della Liguria Giovanni Toti, da cinque giorni agli arresti domiciliari con l’accusa di corruzione, al momento non intende dare le dimissioni. Come scrive Repubblica i suoi alleati aspettano l’esisto dell’interrogatorio per capire come procedere. Nuove intercettazioni mostrano il presidente Toti come uno dei frequentatori dello yatch di Aldo Spinelli, suo finanziatore, anche lui ai domiciliari. Intanto l’inchiesta di allarga alla sanità. I pm liguri aprono un fascicolo per presunti favori a quattro imprenditori della sanità privata. A questa si aggiunge l’accusa di aver falsificato i dati sugli anziani residenti in Liguria, nel 2021, per ottenere più vaccini.

SUPERBONUS: IL GOVERNO VUOLE CAMBIARE LE SCADENZE PER LE DETRAZIONI

Il Governo pensa di prolungare, da quattro a dieci anni, le detrazioni del superbonus, bonus barriere architettoniche e sismabonus. Come scrive Il Sole 24 ore, i dettagli della misura, che saranno contenuti nel testo di conversione del decreto-legge 39/2024, si avranno solo in settimana quando il testo uscirà dall’Aula del Senato per poi passare alla Camera per l’ok definitivo.

ANM: NO ALLA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE

Si è chiuso ieri alla marina di Palermo il congresso dell’ANM. È una bocciatura su tutta la linea della riforma della giustizia targata Nordio che vorrebbe introdurre la separazione delle carriere. Il presidente dei togati Giuseppe Santalucia sostiene che non si possa trattare su una riforma “cattiva”. Nel corso del suo intervento l’ex Premier Conte, come riporta Il Fatto Quotidiano, affianca la riforma Nordio al progetto di rinascita democratica della P2.

RUSSIA – UCRAINA, RIMPASTO DI GOVERNO AL CREMLINO E ASSEDIO DI KHARKIV

L’insediamento per il quinto mandato presidenziale di Vladimir Putin è stato l’occasione per un rimpasto di Governo. Putin, come scrive Repubblica, ha candidato un civile, il vicepremier con delega all’Economia Andrej Belousov, a capo del ministero della Difesa al posto di Sergej Shoigu. Quest’ultimo va a dirigere il Consiglio di Sicurezza al posto di Nikolaj Patrushev, che non è stato ancora riassegnato. Intanto l’esercito russo sta intensificando l’assedio nella regione di Kharkiv.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Back To Top