skip to Main Content

Alle Europee addio astensionismo? I dati di Eurobarometro

Europee Candidati

Secondo l’ultima edizione di Eurobarometro, Il 71% dei cittadini europei afferma che probabilmente andrà a votare alle prossime elezioni di giugno

Più di otto europei su dieci (81 per cento, 78 per cento in Italia) ritengono che votare sia ancora più importante data l’attuale situazione geopolitica. Il 71% dei cittadini europei afferma che probabilemente andrà a votare alle prossime elezioni di giugno, un dato in salita di 10 punti percentuali rispetto a marzo 2019 e di 3 punti percentuali maggiore rispetto all’autunno 2023. In linea il dato italiano con il 70%. Lo rivela l’ultima edizione di Eurobarometro, il sondaggio del Parlamento europeo condotto tra il 7 febbraio e il 3 marzo 2024 in tutti i 27 Stati membri dell’Ue (in Italia fino al 20 febbraio).

Il 60% degli europei si dichiara inoltre generalmente interessato alle elezioni europee di giugno, un dato che sale di tre punti rispetto all’autunno 2023 e di 11 punti rispetto a marzo 2019. Sostanzialmente in linea anche qui il dato italiano dove il 59% dei cittadini si dichiara interessato alle elezioni europee.

PER TRE EUROPEI SU QUATTRO LE AZIONI UE HANNO IMPATTO SULLA VITA QUOTIDIANA

Il 73 per cento dei cittadini afferma inoltre che le azioni dell’Ue hanno un impatto sulla loro vita quotidiana, compreso un quinto (20 per cento) per il quale hanno “molto” impatto, dati che scendono rispettivamente al 61 per cento e al 10 per cento in Italia. Inoltre, un’ampia maggioranza di europei concorda sul fatto che il proprio Paese, nel complesso, trae vantaggio dall’appartenenza all’Ue (71 per cento), contro il 59 per cento del dato registrato in Italia. Questi risultati sono stabili rispetto all’autunno 2023 e continuano a godere di livelli elevati in tutta l’Ue.

METSOLA: “ELEZIONI 2024 SARANNO CRUCIALI PER FUTURO DEMOCRAZIA”

“Il 2024 è un anno elettorale importante, con elezioni che si svolgeranno in Europa ma anche negli Stati Uniti, in India, nel Regno Unito e in molti altri Paesi. L’esito di queste elezioni sarà con ogni probabilità cruciale per il futuro della democrazia nel mondo. Invito i nostri cittadini a votare alle prossime elezioni europee, a partecipare a questo anno storico e a rafforzare la democrazia europea””, ha commentato la Presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola, dopo la pubblicazione dei sondaggi.

PER GLI ITALIANI LAVORO E SALUTE TEMI CHIAVE ALLE EUROPEE

Secondo le rilevazioni dell’ultima edizione di Eurobarometro, il sondaggio del Parlamento europeo, gli italiani vorrebbero che la creazione di più posti di lavoro (41%) e la difesa della salute pubblica (38%) fossero i temi dominanti della campagna elettorale delle europee.

Se si guarda al dato europeo invece i cittadini Ue vorrebbero che prima la lotta alla povertà e all’esclusione sociale (33%) e poi la difesa della sanità pubblica (32%) fossero i temi più dibattuti da qui fino alle europee. In forte ascesa l’importanza che i cittadini attribuiscono al tema della difesa e sicurezza dell’Ue, il più importante per il (31%) degli europei. Dato in ribasso se si guarda all’Italia, dove la difesa è la priorità per il (23%) dei cittadini ma che è invece al primo posto in nove Paesi, con i risultati più alti in Danimarca (56%), Finlandia (55%) e Lituania (53%). Molto più in basso invece il dato della migrazione, considerata una priorità per il (24%) degli europei, e solo dal (17%) degli italiani.

Per vedere tutti i dati del sondaggio di Eurobarometro clicca qui.

Leggi anche: Ue, le trame e i sostenitori di Mario Draghi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Back To Top