Dal mondo

Coronavirus. Facebook regala visibilità ad OMS ed autorità sanitarie

Coronavirus facebook

L’impegno di Facebook contro il Coronavirus

Spazi pubblicitari gratuiti all’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), guerra alle fake news e crediti pubblicitari alle organizzazioni che daranno voce alla scienza ed agli esperti. Questo l’impegno di Facebook contro il Coronavirus, ed in particolare contro la psicosi da contagio. Ad annunciare la decisione, è stato il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg, in un lungo post.

Forse all’origine della decisione, anche le pesanti critiche che da più parti sono state mosse ai social network, per il ruolo che avrebbero avuto nel diffondere la paura.

“Stiamo fornendo all’Oms tutte le pubblicità gratuite di cui ha bisogno per rispondere al coronavirus, insieme ad altri tipi di supporto”, ha spiegato il ceo e fondatore di Facebook. “Chi cercherà la parola coronavirus su Facebook vedrà un pop-up che lo indirizzerà all’Oms o all’autorità sanitaria locale per le ultime informazioni”. Accanto a questo, Zuckerberg dichiara guerra a “bufale e disinformazione dannosa”.

“Stiamo rimuovendo notizie false e teorie del complotto che sono state contrassegnate dalle principali organizzazioni sanitarie globali”, ha evidenziato. Inoltre “stiamo anche impedendo alle persone di pubblicare annunci pubblicitari che tentano di sfruttare la situazione, ad esempio sostenendo che il loro prodotto può curare la malattia”.

Facebook corona virus

Il messaggio integrale di Mark Zuckerberg (tradotto in Italiano)

“Volevo condividere un aggiornamento sui passi che stiamo facendo per rispondere al coronavirus. Questa è ora una sfida globale e abbiamo trascorso l’ultimo mese a lavorare con le autorità sanitarie per coordinare la nostra risposta.

Siamo concentrati sul fare in modo che tutti possano accedere a informazioni credibili e precise. Questo è fondamentale in qualsiasi emergenza, ma è particolarmente importante quando ci sono precauzioni che si possono prendere per ridurre il rischio di infezione. Se cerchi coronavirus su Facebook, vedrai un pop-up che ti dirige all’Organizzazione Mondiale della Sanità o alla tua autorità sanitaria locale per le ultime informazioni. Se sei in un paese in cui l’OMS ha segnalato la trasmissione persona a persona, la vedrai anche nella tua sezione Notizie.

Data la situazione in via di sviluppo, stiamo lavorando con i ministeri nazionali della sanità e organizzazioni come l’OMS, il CDC e l’UNICEF per aiutarli a pubblicare tempestive e accurate informazioni sul coronavirus. Stiamo dando all’OMS tutte le pubblicità gratuite di cui hanno bisogno per la loro risposta al coronavirus insieme ad altri supporto in genere. Daremo anche supporto e milioni in più in crediti pubblicitari anche ad altre organizzazioni e lavoreremo a stretto contatto con esperti sanitari globali per fornire ulteriori aiuti se necessario.

Siamo anche concentrati sul fermare le zappe e la disinformazione dannosa. È importante che ognuno abbia un posto dove condividere le proprie esperienze e parlare dell’epidemia, ma come chiariscono i nostri standard della comunità, non va bene condividere qualcosa che mette in pericolo le persone. Quindi stiamo rimuovendo false affermazioni e teorie di cospirazione che sono state segnalate dalle principali organizzazioni sanitarie glob Stiamo anche bloccando alle persone di pubblicare inserzioni che cercano di sfruttare la situazione — ad esempio, sostenendo che il loro prodotto può curare la malattia.

Oltre ad accedere alle informazioni, stiamo anche esaminando come le persone possono utilizzare i nostri servizi per contribuire a contribuire agli sforzi più ampi per contenere l’epidemia. I ricercatori stanno già usando dati di Facebook aggregati e anonimizzati — compresi i dati sulla mobilità e le mappe della densità della popolazione — per capire meglio come si sta diffondendo il virus.

Gli strumenti scientifici sviluppati dall’iniziativa Chan Zuckerberg possono aiutare anche con questo. Attraverso una partnership tra la nostra filantropia e la Gates Foundation, i ricercatori in Cambogia sono stati in grado di sequenza il genoma completo del virus che causa COVID-19 in giorni, rendendo molto più facile e veloce per loro identificare se le persone avevano il virus. Il team ha creato una nuova versione pubblica dello strumento IDSeq in modo che gli scienziati ovunque possano studiare il genoma completo nel contesto più ampio delle sequenze di coronavirus caricate in tutto il mondo.

Anche il Chan Zuckerberg Biohub ha fatto parte del team che lavora per sviluppare l’atlante cellulare — una tavola periodica di diversi tipi di cellulari nel corpo. Come parte di questo lavoro, hanno sostenuto un progetto per mappare tutte le cellule del polmone. I ricercatori ora lo stanno usando per indagare sui potenziali modi per limitare i danni ai polmoni e affrontare i sintomi di coronavirus. Questa è una delle idee fondamentali dietro la CZI — per fare ricerche scientifiche di base per creare blocchi di costruzione che le organizzazioni sanitarie possono utilizzare per trovare cure per le malattie.

Ci sono altri modi in cui la tecnologia può aiutare le persone ad adattarsi anche all’epidemia. Le comunità di tutto il mondo hanno a che fare con quarantena e altre interruzione della loro vita quotidiana, e usano di più internet per rimanere connessi anche quando non possono stare insieme di persona. Sappiamo dalle emergenze precedenti — e dai luoghi in cui ci sono già stati focolai di coronavirus in tutto il mondo — che in tempi di crisi le persone si affidano su strumenti di comunicazione ancora più del solito. Ciò significa che oltre ad aiutare le persone ad accedere alle informazioni, abbiamo la responsabilità di assicurarci che i nostri servizi siano stabili e affidabili per gestire questo carico e prendiamo seriamente anche questo.

C ‘ è altro che possiamo fare per aiutare le persone a sentirsi meno isolate e aiutarci a vicenda e stiamo lavorando ad alcune idee che condivideremo nelle prossime settimane, ma per ora l’attenzione è quello di rallentare la diffusione dell’epidemia stessa. Questo è un momento difficile per un sacco di persone e penso a tutti coloro che sono colpiti da questo — le persone malati o messi in quarantena, i loro amici e parenti e ovviamente gli operatori sanitari che sono sempre in prima linea di qualsiasi epidemia. Presto condivideremo altri aggiornamenti”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore