Dal mondo

Gran Bretagna, sussidio da 500 sterline per restare a casa?

500 sterline per restare a casa

Gli inglesi non sono soltanto refrattari alle mascherine, ma sfuggono anche ai controlli per non perdere giornate di lavoro. E allora si pensa al bonus da 500 sterline per restare a casa, che sta creando grattacapi all’esecutivo più che la stessa gestione dell’epidemia…

Non è stato facile convincere gli inglesi a indossare sempre le mascherine e a restare a casa. Lo scorso settembre Boris Johnson aveva persino addotto, quale scusa per il fallimento del piano sanitario di contenimento del Covid-19, che gli inglesi amassero la libertà molto più degli italiani (“più contagi che in Italia e Germania perché amiamo la libertà e la nostra democrazia ha 300 anni di storia”). Una stupidata che s’era comunque meritata la replica del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: “Anche noi italiani amiamo la libertà ma abbiamo a cuore anche la serietà”. Intanto, mentre il Regno Unito è alle prese con l’impennata di contagi dovuti alla variante inglese del Coronavirus, qualcos’altro ha iniziato a circolare con una certa virulenza: l’ipotesi che il governo stia studiando un bonus da 500 sterline per convincere gli inglesi a restare a casa se contraggono il Covid e ristorarli dei danni subiti per colpa delle restrizioni.

500 STERLINE PER RESTARE A CASA: LEAK O FAKE NEWS?

Nelle ultime ore ha preso piede la voce che il governo di BoJo starebbe approntando la fattibilità economica di un sussidio pubblico da 500 sterline a persona per tutti coloro che siano costretti a isolarsi in casa in seguito a un contagio da Coronavirus. La proposta, formulata da alcuni consulenti governativi, è circolata in una bozza nell’ambito di una riunione ministeriale ed è subito arrivata alla stampa e da lì ha iniziato a rimbalzare con insistenza ed entusiasmo sui social. Tanto che l’esecutivo stesso è dovuto intervenire per smentire categoricamente. La ratio del bonus da 500 sterline per stare a casa è semplice: attualmente la diffusione del contagio è tale che si sospetta che i britannici nascondano il loro stato di salute per non consegnarsi alla quarantena e perdere giornate di lavoro.

Leggi anche: Restrizioni Covid, cosa si può e non si può fare

Il bonus invece, per quanto abbia già sollevato aspre critiche in un Paese tanto liberale visto che è considerato mero assistenzialismo, potrebbe incoraggiare gli infetti a dichiararsi e i liberi professionisti a non mancare ai test per ragioni economiche legate all’impatto dell’isolamento sul proprio lavoro e sul proprio reddito. Fonti vicine al primo ministro Tory hanno precisato oggi alla Bbc che la proposta non è neppure arrivata “vicino” al tavolo di Johnson, mentre alcuni ministri hanno già fatto sapere di considerarla impraticabile e in grado di favorire un circolo vizioso e di alimentare le tentazioni di profittatori. Al momento l’esecutivo preferisce praticare la strada delle super multe comminate ai trasgressori: proprio ieri la polizia ha applicato per la prima volta la mega sanzione da 10mila sterline agli organizzatori di una festa di matrimonio con ben 400 invitati scoperta a Londra.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore