skip to Main Content

La Lega rinnega l’alleato europeo Joerg Meuthen e difende Draghi

Joerg Meuthen

Secondo Joerg Meuthen, principale alleato di Salvini in Europa, “Draghi è un brutto scherzo”. Ma i leghisti lo zittiscono

Pur di difendere Mario Draghi, Matteo Salvini è disposto persino a stracciare le (poche) alleanze che aveva faticosamente tessuto in Europa in questi anni. Negli ultimi minuti infatti il Vecchio continente ha assistito ammutolito a un botta e risposta inedito nella destra europea, con Joerg Meuthen, portavoce federale di Alternative für Deutschland (Afd), che ha attaccato Draghi ma si è visto silenziato proprio dal suo principale alleato: la Lega. Ma andiamo con ordine.

 

🇩🇪 Jörg Meuthen, Membro tedesco del Parlamento europeo per Alternative für Deutschland (AFD): “Oggi qui a Milano…

Pubblicato da Lega – Salvini Premier su Sabato 18 maggio 2019

 

Anzitutto i fatti, o meglio, le dichiarazioni. Molto sopra le righe, in perfetto stile Joerg Meuthen, l’uomo noto per le sparate mirabolanti che Matteo Salvini aveva voluto al proprio fianco nell’aprile 2019 a Milano, in vista delle Europee, nella sua internazionale di destra. È infatti l’eurodeputato che accusò la sua stessa cancelliera, Angela Merkel, intenta a strappare il miglior accordo possibile sul Recovery Fund per i Paesi mediterranei di aver “violentato la libertà” e si era detto pronto a tutto pur di fermare l’afflusso dei soldi comunitari nelle casse di Roma per la ricostruzione post pandemica in quanto “il patrimonio medio di un tedesco è inferiore a quello di un francese, di uno spagnolo o di un italiano che hanno pure più appartamenti”.

I PRIMI SCREZI SU QUOTA 100

Già in quest’ultima occasione, risalente all’estate 2020, i rapporti tra il vice presidente dell’Afd e la Lega, alleati all’Europarlamento, si erano fatti piuttosto tesi: per Joerg Meuthen infatti gli italiani avrebbero finito col sperperare i soldi comunitari e non se li meriterebbero perché andrebbero in pensione troppo presto. E la Lega, si sa, ha in Quota 100 proprio il suo cavallo di battaglia. Ma a quanto pare per Joerg Meuthen non potrà essere finanziata coi soldi del Recovery.

JOERG MEUTHEN ATTACCA DRAGHI

Se un attacco di Joerg Meuthen a Mario Draghi appare così scontato da non fare quasi notizia, gli ultimi che avremmo immaginato soccorrere l’ex numero 1 della BCE sono i leghisti. Per l’esponente della destra tedesca Draghi è “il grande maestro in materia di debiti” al quale “si affida” lo Stato italiano per “rendere felici gli italiani con i tanti miliardi” che dovrebbero arrivare con il Recovery fund.

Leggi anche: Cosa ha detto Visco, n.1 Bankitalia, su Draghi (e non solo)

Joerg Meuthen non ha mai perdonato a Draghi la sua azione alla Banca centrale europea: “è l’uomo che ci ha portato una politica della Bce completamente sbagliata, responsabile dell’eccesso incontrollato di denaro nell’eurozona”. “Dovrebbe ora essere il grande salvatore dell’Italia? Questo è uno scherzo, anche se molto brutto, di cui i tedeschi, che devono pagare in larga misura l’intero conto, non potranno ridere”, ha concluso.

 

Secca la risposta della Lega, arrivata attraverso le parole dell’eurodeputato Marco Zanni: “Non è il momento delle polemiche. Se qualcuno all’estero critica il professor Draghi per aver difeso l’economia, il lavoro e la pace sociale europea – quindi anche italiana – e non solo gli interessi tedeschi, questa per noi non sarebbe un’accusa, ma un titolo di merito”. Il riposizionamento della Lega in Italia comporterà anche un riposizionamento nell’Europarlamento?

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore