skip to Main Content

Perché i lanciarazzi multipli Himars riacuiscono le tensioni USA – Russia

Himars

Gli USA invieranno a Kiev una nuova arma dalla gittata di circa 80 km, Himars (High Mobility Artillery Rocket Systems). In tutta risposta Mosca avvia le esercitazioni nucleari

Ancora una volta tutto si gioca sulla distinzione tra armi atte alla difesa e all’offesa. Ammesso tale distinzione esista realmente. Quel che è certo, è che a Mosca non era piaciuto l’annuncio di Washington di voler inviare a Kiev missili a lungo raggio, potenzialmente idonei a raggiungere il suolo russo e a trasformare l’Ucraina da aggredito ad aggressore.

Ecco allora che il sistema di lanciarazzi multipli Himars che gli Usa stanno per fornire a Kiev si trasforma di colpo nel nuovo caso diplomatico tra America e Russia, con quest’ultima che ormai parla di coinvolgimento diretto della prima, mentre l’amministrazione americana interviene direttamente, con un lungo editoriale sul New York Times a firma Joe Biden per smentire quanto l’inquilino della Casa Bianca aveva annunciato dalla Polonia, ovvero che l’intento è quello di un regime change che faccia capitolare Vladimir Putin.

COSA HA SCRITTO BIDEN NEL SUO EDITORIALE SUL NYT

Gli Stati Uniti – si legge nell’editoriale dal titolo  “Che cosa l’America farà e che cosa non farà in Ucraina” – forniranno all’Ucraina sistemi missilistici “più avanzati” per colpire “obiettivi strategici”, scrive Joe Biden, puntualizzando: “Non stiamo incoraggiando l’Ucraina a colpire oltre i suoi confini” e ribadendo “Come ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, questa ‘guerra finirà definitivamente solo con la diplomazia’. Ogni negoziato riflette i fatti sul campo. Ci siamo mossi rapidamente per inviare all’Ucraina una quantità significativa di armi e munizioni in modo che possa combattere sul campo di battaglia e trovarsi nella posizione più forte possibile al tavolo dei negoziati”.

“L’obiettivo dell’America è semplice: vogliamo vedere un’Ucraina democratica, indipendente, sovrana e prospera con i mezzi per scoraggiare e difendersi da ulteriori aggressioni”, ha scritto il presidente. Poi ha annunciato: “Ho deciso che forniremo agli ucraini sistemi missilistici e munizioni più avanzati, che consentiranno loro di colpire con maggiore precisione obiettivi chiave sul campo di battaglia in Ucraina”.

COSA SONO I LANCIARAZZI HIMARS

E qui entra appunto in scena il sistema missilistico noto come Himars (High Mobility Artillery Rocket Systems), probabilmente l’arma più potente dell’undicesimo carico bellico che gli USA hanno inviato a Kiev dall’inizio del conflitto, in quanto in grado di lanciare missili con una gittata di circa 80 chilometri.

Non si può parlare di armi a lungo raggio, che probabilmente avrebbero realmente causato una escalation. Si tratta infatti di missili con una gittata inferiore a quella massima prevista, che è di circa 300 chilometri, a cui si arriva nel momento in cui il sistema viene armato dal missile a lungo raggio, Army Tactical Missile System. Tuttavia, anche così la loro gittata è comunque superiore a quella delle armi finora inviate da Washington. Per avere una idea delle proporzioni, i M777 Howitzers, inviati il mese scorso, superano difatti i 25 chilometri. E sono attualmente l’arma che arriva più lontano nelle disponibilità di Kiev.

Leggi anche: Il Pentagono convoca la lobby delle armi in vista della battaglia finale di Mariupol

Occorreranno non meno di tre settimane per formare l’esercito di Kiev all’uso del sistema missilistico Himars, che potrebbe rivelarsi decisivo per respingere gli invasori dal Donbass. O quantomeno, è l’auspicio di Washington, a confinarli nuovamente in quei territori, come dopo la sortita di otto anni fa. Nel cargo militare diretto in Ucraina, anche radar per la ricognizione aerea, nuovamente razzi anticarro Javelin, munizioni di artiglieria, elicotteri, veicoli tattici e pezzi di ricambio per sostenere le operazioni di manutenzione dell’equipaggiamento militare. In tutta risposta Mosca ha reclamizzato che circa 1.000 militari si stanno esercitando in manovre intensive di stampo “nucleare” utilizzando oltre 100 veicoli tra cui i lanciamissili balistici intercontinentali Yars.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore