skip to Main Content

Politica estera. Gli appuntamenti di questa settimana (2 – 8 novembre)

Pakistan Afghanistan

Le elezioni presidenziali americane sono l’evento della settimana, ma si vota anche in Myanmar. Ci sono poi importanti riunioni Onu, Ue e Ocse. Sul tavolo dei policymaker anche i dossier Algeria, Costa d’Avorio, Filippine, Pakistan e Slovacchia. Gli appuntamenti di politica estera della settimana

LUNEDÌ 2 NOVEMBRE

ONU – La Convenzione delle Nazioni Unite su alcune armi convenzionali (CCW) terrà a Ginevra, Svizzera, una riunione sui sistemi di armi letali autonome.

GERMANIA – In Germania inizia un blocco parziale per arrestare la diffusione del coronavirus.

MARTEDÌ 3 NOVEMBRE

STATI UNITI – Ultimo giorno di votazione per le elezioni presidenziali negli Stati Uniti.

UE – I ministri delle finanze dell’Eurozona si riuniscono in videoconferenza. L’ordine del giorno prevede una discussione sull’euro come valuta digitale.

OCSE – L’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) ospita la sua Conferenza annuale del Mediterraneo. Sono invitati anche rappresentanti di Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Marocco e Tunisia.

MERCOLEDÌ 4 NOVEMBRE

STATI UNITI – Gli Stati Uniti si ritirano ufficialmente dall’Accordo sul clima di Parigi, a un anno dalla presentazione del ritiro il 4 novembre 2019.

UE – I ministri degli Esteri membri del Consiglio d’Europa si riuniscono in videoconferenza.

GIOVEDÌ 5 NOVEMBRE

UK – Inizia un nuovo blocco di quattro settimane in Inghilterra nel tentativo di rallentare la diffusione delle infezioni da coronavirus.

STATI UNITI – Il Federal Open Market Committee (FOMC) degli Stati Uniti decide se aumentare, abbassare o mantenere i tassi d’interesse statunitensi.

VENERDÌ 6 NOVEMBRE

STATI UNITI – Viene pubblicato il rapporto mensile sull’occupazione negli Stati Uniti.

DOMENICA 8 NOVEMBRE

MYANMAR – In Myanmar si tengono le elezioni generali. L’ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani si è già lamentato del voto, dicendo che le nuove restrizioni annunciate all’inizio di ottobre privano del diritto di voto le popolazioni Rohingya e Rakhine del paese.

BOLIVIALuis Arce, del partito socialista boliviano MAS, dovrebbe prestare giuramento come presidente dopo aver vinto le elezioni del 18 ottobre.

DOSSIER ALGERIA

Gli algerini hanno in gran parte disatteso un referendum domenicale su una nuova costituzione. Ha votato solo il 23,7% degli aventi diritto, si tratta dell’affluenza più bassa della storia dell’Algeria indipendente. Il referendum per la riforma della Costituzione è alla fine passato col 66,7% dei consensi. Lo ha annunciato Mohamed Charfi, presidente dell’Autorità nazionale indipendente per le elezioni (Anie), nel corso di una conferenza stampa. Il presidente Abdelmadjid Tebboune, che insieme ai militari del Paese aveva presentato la nuova costituzione come risposta alle proteste, è stato recentemente trasportato in Germania per essere curato dopo aver sofferto di sintomi legati al coronavirus.

DOSSIER COSTA D’AVORIO

Il partito al governo della Costa d’Avorio ha messo in guardia l’opposizione del Paese contro “qualsiasi tentativo di destabilizzazione” dopo le elezioni presidenziali di sabato. Il presidente Alassane Ouattara è probabile che vinca dopo che i suoi avversari – che considerano il terzo mandato illegale – hanno chiesto il boicottaggio del voto. In una dichiarazione congiunta, due candidati dell’opposizione, l’ex presidente Henri Konan Bédié e l’ex primo ministro Pascal Affi N’Guessan, hanno dichiarato che sono morte 30 persone da quando si sono svolte le elezioni.

DOSSIER FILIPPINE

Le conseguenze del tifone Goni nelle Filippine sono devastanti. Centinaia di migliaia di persone sono state sfollate e almeno 16 sono morte dopo l’arrivo del super tifone domenica mattina. La Croce Rossa ha detto che il 90% degli edifici è stato danneggiato nella città di Virac, dove il tifone ha colpito per la prima volta. Goni è il tifone più forte del mondo nel 2020 e la tempesta più potente che il Paese abbia mai subito dal tifone Haiyan del 2013.

DOSSIER PAKISTAN

Il primo ministro pakistano Imran Khan ha detto che il suo governo concederà lo status di provincia provvisoria a parte del Kashmir, il Gilgit-Baltistan, che confina con la Cina e l’Afghanistan. Il ministero degli Esteri indiano ha detto che “respinge fermamente” la mossa di Islamabad, che avrebbe bisogno di un emendamento alla costituzione pakistana per entrare in vigore. Khan non ha detto quando esattamente il Gilgit-Baltistan avrebbe ricevuto il suo nuovo status.

DOSSIER SLOVACCHIA

Circa la metà della popolazione slovacca (circa 5,5 milioni di abitanti) è stata sottoposta a test Covid-19 durante il fine settimana, nell’ambito di una campagna governativa per testare tutti i residenti di età superiore ai 10 anni entro due settimane. Simili test di massa si sono svolti nella città cinese di Wuhan a maggio, ma i test di sabato rappresentano una strategia applicata per la prima volta in Europa. Tra i testati in Slovacchia, circa l’1%, ovvero 25.850 persone, è risultato positivo al coronavirus.

Qui trovi gli appuntamenti di politica estera della settimana scorsa

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore