Dal mondo

Politica estera. Tutti gli appuntamenti di questa settimana (4-10 gennaio)

politica estera
egitto

GCC, OMC, GERD e OPEC. Elezioni in Kazakistan e Kirghizistan, dossier Italia, Canada, Niger, Stati Uniti e Scozia. Tutti gli appuntamenti di politica estera della settimana (4-10 gennaio)

GCC, OMC, GERD e OPEC. Elezioni in Kazakistan e Kirghizistan, dossier Italia, Canada, Niger, Stati Uniti e Scozia. Tutti gli appuntamenti di politica estera della settimana (4-10 gennaio) secondo Foreign Policy

Martedì 5 gennaio

STATI UNITI – Si svolgono le elezioni per il ballottaggio del Senato della Georgia tra i senatori repubblicani Kelly Loeffler e David Perdue contro gli sfidanti democratici Raphael Warnock e Jon Ossoff.

GCC – L’Arabia Saudita ospita il 41° vertice del Consiglio di Cooperazione del Golfo. Il Qatar, attualmente sotto il blocco dell’Arabia Saudita, del Bahrein e degli Emirati Arabi Uniti, è stato invitato al vertice per allentare le tensioni.

Mercoledì 6 gennaio

STATI UNITI – Il Senato e la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti si riuniscono per una sessione congiunta al fine di contare formalmente i voti del Collegio Elettorale.

OMC – L’Organizzazione Mondiale del Commercio discute con l’India la revisione delle politiche in materia di agricoltura e commercio elettronico.

Domenica 10 gennaio

KAZAKISTAN – Gli elettori del Kazakistan si recano alle urne per le elezioni parlamentari, le prime per il partito al governo Nur Otan, “Patria Radiosa”, dopo l’uscita di scena dell’ex presidente Nursultan Nazarbayev, rimasto al potere per 29 anni.

KIRGHIZISTAN – Le elezioni presidenziali anticipate in Kirghizistan si svolgono dopo le elezioni parlamentari di ottobre, annullate a seguito delle proteste che hanno portato alle dimissioni dell’allora presidente Sooronbay Jeenbekov e alla sua sostituzione con il neonominato primo ministro Sadyr Japarov.

Biden Trump

DOSSIER PRESIDENTE STATI UNITI

Sia il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump che il Presidente eletto Joe Biden si riuniranno in Georgia prima del ballottaggio per i due seggi al Senato dello Stato in programma martedì 5 gennaio. Intanto Trump è travolto dallo scandalo della registrazione della conversazione telefonica con il Segretario di Stato della Georgia, Brad Raffensperger, pubblicata dal Washington Post.

Le registrazioni rivelano che Trump ha supplicato Raffensperger di trovare i voti necessari per ribaltare i risultati del voto presidenziale della Georgia, che Biden ha vinto con uno stretto margine di 11.779 voti. Alcuni esperti legali sostengono che l’apparente incoraggiamento da parte di Trump a compiere frodi elettorali – unite alle velate minacce contro i funzionari statali – potrebbe costituire un crimine.

Opec

DOSSIER OPEC

I paesi produttori di petrolio che compongono l’OPEC+ si riuniscono per decidere i livelli di produzione per il mese di febbraio, dato che la diffusione irregolare dei vaccini e il continuo blocco dei mercati minaccia le speranze di un rapido ritorno ai livelli di domanda precedenti la pandemia.

“Tra i segnali di speranza, le prospettive per la prima metà del 2021 sono contrastanti e ci sono ancora molti rischi negativi da affrontare”, ha detto il segretario generale dell’OPEC Mohammad Barkindo ad una riunione domenica in vista del vertice di questa settimana. L’OPEC+ ha deciso a dicembre di aumentare la produzione di 500.000 barili al giorno a partire da gennaio, anche se i membri sono ancora divisi sui livelli di aumento della produzione di febbraio.

DOSSIER NIGER

Almeno 100 persone sono state uccise sabato negli attacchi a due villaggi del Niger occidentale, ha dichiarato domenica il primo ministro Brigi Rafini. Le uccisioni facevano parte di incursioni simultanee nei villaggi di Tchombangou e Zaroumdareye da parte di sospetti militanti islamisti, anche se Rafini non ha identificato un colpevole specifico. Violenti incidenti hanno afflitto la zona di confine tra Niger, Mali e Burkina Faso negli ultimi anni. Secondo una stima delle Nazioni Unite, nel 2019 sono state uccise 4.000 persone a causa della violenza legata all’islamismo nei tre Paesi.

Scozia

DOSSIER SCOZIA

Indipendenza scozzese. Il primo ministro britannico Boris Johnson ha espresso chiaramente la sua opinione su un potenziale referendum sull’indipendenza scozzese, dicendo alla BBC che tali votazioni dovrebbero essere tenute solo “una volta ogni generazione”.

Secondo le regole attuali, un referendum avrebbe probabilmente bisogno del sostegno del governo di Londra per andare avanti. Le osservazioni di Johnson arrivano mentre il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon continua a spingere per l’indipendenza scozzese, dicendo che la Scozia è “impegnata in un percorso legale e costituzionale per diventare uno stato indipendente”, in un articolo d’opinione pubblicato sabato sull’Irish Times.

etiopia

DOSSIER GERD

I colloqui tra Egitto, Etiopia e Sudan sull’accesso alle acque del fiume Nilo continueranno questa settimana in vista della conclusione alla fine di gennaio, ha detto il ministero delle acque sudanese in un comunicato di domenica. Le tre parti non hanno ancora raggiunto un accordo su come sarà distribuita l’acqua della Grande Diga del Rinascimento Etiope (GERD), che l’Egitto e il Sudan vedono come una minaccia esistenziale. L’Etiopia insiste sul fatto che la sua diga sarà usata solo per generare elettricità e che i flussi d’acqua non ne risentiranno.

Renzi conte

DOSSIER ITALIA

Il governo italiano è in bilico. L’esecutivo italiano rischia di rovesciarsi a causa di una disputa tra il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il partner della coalizione Matteo Renzi. Renzi chiede di modificare i piani di ripresa economica di Conte e lo invita a lasciare le redini dei servizi segreti del Paese. Reuters riferisce che una riunione di gabinetto del 7 gennaio – quando Conte dovrebbe cercare sostegno per il suo piano economico – potrebbe segnare la fine del governo se i due ministri del partito Italia Viva di Renzi si rifiutassero di sostenerlo.

DOSSIER CANADA

Il Canada diventerà l’ultimo paese a richiedere la prova di un test coronavirus negativo per entrare nei suoi confini, dato che il numero di casi continua ad aumentare. In base alla nuova regola, i viaggiatori saranno tenuti a produrre un test negativo delle ultime 72 ore, oltre a rispettare un successivo periodo di quarantena di 14 giorni. I confini del Canada sono ancora chiusi agli Stati Uniti e l’ingresso è stato essenzialmente limitato ai canadesi anche prima dell’introduzione del requisito del test. Il Canada ha superato i 600.000 casi totali – o poco meno di 16.000 casi confermati per milione di residenti, una cifra quattro volte inferiore a quella degli Stati Uniti, dove ci sono quasi 64.000 casi per milione.

Cosa è successo in politica estera la scorsa settimana

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore