skip to Main Content

I numeri Istat (e i perché) della flessione industriale ed economica in Italia

Dati Istat Produzione Industriale E Economia Italiana

Secondo l’Istat, il calo produttivo è di un punto percentuale da settembre a novembre. Male l’industria energetica, della carta, la chimica 

Gli effetti della crisi dei prezzi, della congiuntura internazionale, si sentono e come. L’Istat ha diffuso i dati per il mese di novembre (e il trimestre settembre-novembre) del 2022 riguardo la produzione industriale. Numeri per lo più negativi, così come non sorride il trend economico generale dell’Italia sempre del penultimo mese dell’anno appena trascorso.

ISTAT: PRODUZIONE INDUSTRIALE, INDICI GIU’ PER TUTTI TRANNE CHE PER I BENI STRUMENTALI

Come sintetizzato nella nota, “si stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale diminuisca dello 0,3% rispetto a ottobre”. Con un dato aggregato del trimestre settembre-novembre che segna -1% del livello produttivo.

Indici negativi (destagionalizzati) per l’energia (-4,5%), i beni di consumo (-0,4%) e i beni intermedi (-0,3%); cresce (dello 0,1%) solo il comparto dei beni strumentali. Che crescono dell’1,8% anche in termini di indice complessivo (dato giù del 3,7% nel complesso), dove “diminuiscono, invece, i beni di consumo (-2,6%), i beni intermedi (-5,2%) e in misura molto marcata l’energia (-16,2%)”.

Tra i trend positivi, conclude Istat, da segnalare i settori del trasporto (fabbricazione mezzi), computer e prodotti di elettronica, farmaceutici, attrezzature n.c.a. “Le flessioni più ampie si registrano nella fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (-17,1%), nell’industria del legno, della carta e della stampa (-10,8%) e nella fabbricazione di prodotti chimici (-8,6%)”, aggiunge l’Istituto.

LE FLESSIONI DELL’ECONOMIA ITALIANA

Passando al trend economico italiano, secondo l’Istat “la produzione industriale italiana, a novembre, ha registrato un’ulteriore flessione congiunturale (-0,3%) di entità minore rispetto alle variazioni negative dei due mesi precedenti”. Un calo diffuso per tutti i settori, escluso quello dei beni strumentali.

Sul mercato del lavoro, si registra una “lieve diminuzione di occupati e disoccupati e da un aumento marginale degli inattivi”. Con un tasso di disoccupazione che rimane stabile al 7,8% per novembre.

Sul mese di dicembre, invece, “l’indice dei prezzi al consumo armonizzato (IPCA) ha mostrato un moderato rallentamento anche se il differenziale con l’area euro si è ampliato ulteriormente, superando i 3 punti percentuali”, nota l’Istat. Notificando l’effetto della crescita dei listini energetici e alimentati, maggiore in Italia rispetto all’Ue.

Novembre e dicembre, nel complesso, lasciano una fiducia superiore ai consumatori. Con opinioni positive per famiglie e imprenditori del settore costruzioni e servizi di mercato.

 

QUI IL REPORT COMPLETO SULLA PRODUZIONE INDUSTRIALE

LA NOTA MENSILE SULL’ECONOMIA ITALIANA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore