skip to Main Content

Le condizioni delle carceri italiane, il report di Antigone

Carceri Antigone

Centouno suicidi nelle carceri negli ultimi 16 mesi. Dati, numeri, cause nel report dell’associazione Antigone

TORTURE AL BECCARIA, PER IL GIP ERA UNA ‘PRATICA SISTEMATICA’

Nelle ultime ore stanno facendo scalpore “le violenze perpetrate” all’interno del carcere minorile Beccaria di Milano. Una pratica “reiterata e sistematica” l’ha definita la gip Stefania Donadeo nell’ordinanza che ha portato agli arresti 13 agenti di polizia penitenziaria dell’istituto e alla sospensione di 8. La giudice riferisce di un “sistema consolidato” che ha determinato “un clima infernale”. Il procuratore di Milano Marcello Viola ha parlato di “brutta pagina per le istituzioni, ma vanno assicurati il controllo della legalità e il rispetto della legge”.

Nel frattempo la notizia di un nuovo morto in carcere, un suicidio, a Regina Coeli, un uomo di 36 anni, cinese, in carcere da poco più di un mese.

IL REPORT DI ANTIGONE: 101 SUICIDI IN CARCERE IN 16 MESI

Nello stesso giorno l’associazione Antigone ha lanciato l’ennesimo allarme sulla disastrosa situazione della popolazione dei ‘reclusi’ e sui tassi di autolesionismo, fino all’estremo gesto del suicidio, nel dossier ‘Nodo al collo’ che pubblica questi drammatici numeri.

Le carceri rimangono una delle criticità del nostro Paese. Dal 2023 ad oggi, sono 101 le persone che si sono tolte la vita in carcere, 30 solo dall’inizio di questo anno al mese di aprile, che ancora si deve concludere.

“Dalle biografie delle persone che si tolgono la vita emergono in molti casi situazioni di grande marginalità”, rileva il dossier che ricorda come nelle nostre carceri ci siano, al 31 marzo, 61.049 le persone detenute, a fronte di una capienza ufficiale di 51.178 posti. Quindi sono recluse circa 13.500 persone oltre il limite di ‘accoglienza’. Ossia che non hanno a disposizione un poto regolamentare.

TRA I SUICIDI MOLTI GIOVANI E STRANIERI

Tra chi si è tolto la vita in cella, compreso nel numero dei 101 che non ce l’hanno fatta a resistere tra le sbarre, ci sono “molte persone giovani e giovanissime, molte le persone di origine straniera, molte anche le situazioni di presunte o accertate patologie psichiatriche”. Alcune provenivano da passati di tossicodipendenza, altre erano persone senza fissa dimora.

“L’età media di chi si è tolto la vita, in un istituto penitenziario, nell’ultimo anno e mezzo è di 40 anni. La fascia più rappresentata è quella tra i 30 e i 39 anni”, spiega Antigone. Gli stranieri, tenendo conto che la loro presenza in carcere è leggermente inferiore a un terzo della popolazione detenuta totale (31,3%), hanno un tasso di suicidi maggiore rispetto agli italiani. In tutti gli Istituti dove sono avvenuti suicidi nell’ultimo anno e mezzo, si registra una situazione più o meno grave di sovraffollamento, un ‘esercito’ di reclusi che ogni mese cresce di circa 331 unità.

REPORT ANTIGONE: LE PRINCIPALI CAUSE DEI SUICIDI NELLE CARCERI

“Le cause di questa crescita – segnala il dossier – sono diverse: maggiore lunghezza delle pene comminate, minore predisposizione dei magistrati di sorveglianza a concedere misure alternative alla detenzione o liberazione anticipata, introduzione di nuove norme penali e pratiche di Polizia che portano a un aumento degli ingressi. Tra queste ultime da sottolineare che l’attuale governo, dalla data del suo insediamento nell’ottobre del 2022, ha introdotto una decina di nuovi reati e sei nuove fattispecie penali”. Un impatto grave sul sovraffollamento, ad avviso di Antigone, “potrà avere anche la decisione di punire maggiormente i casi di lieve entità legati alle violazioni della legge sugli stupefacenti che, già attualmente, produce circa 20mila detenuti”.

Da considerare, invece, che a questo aumento della popolazione detenuta “non corrisponde un aumento del numero dei reati”. Dal 1 gennaio al 31 luglio 2023, informa Antigone, erano stati commessi in Italia 1.228.454 delitti, il 5,5% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Leggi anche: Quanto costa l’accoglienza dei migranti in Albania?

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Back To Top