Fact Checking

Tutte le volte che la Rai è stata accusata di censura

Rai censura

Dopo il caso Fedez del 1° maggio, la Rai viene travolta dalle polemiche: “è gestita dalla politica e censura ciò che vuole”. Ma non è la prima volta che si alza un polverone

Le polemiche dopo il 1° maggio con Fedez che accusa la Rai di censura riaccendono la polemica sulla politica che controlla il mezzo di informazione e decide come e di cosa parlare. Ma non solo la Rai è sempre stata in mano alla politica, ma è già stata travolta in più occasioni e in diverse epoche da casi in cui si è parlato di censura.

KESSLER, TOGNAZZI, VIANELLO, FO E RAME

Dalla censura alle semi-nudità delle gemelle Kessler a quella di Tognazzi-Vianello per la satira sulla caduta di Giovanni Gronchi al Teatro dell’Opera di Roma o all’allontanamento di Dario Fo e Franca Rame per la satira sugli incidenti sul lavoro.

Ma anche l’intervento della Rai contro “l’Otello – scrive Repubblica – che si scagliava contro Desdemona dandole della ‘puttana’”, parola che venne cambiata in “farfallona”.

DALLA, BENIGNI E GASSMAN

“Ammonito agli albori Mario Riva, modificati i testi di Lucio Dalla, espurgati i baci di Albertazzi, biasimati i versacci di Benigni, tagliuzzate le deposizioni dei ministri al processo per piazza Fontana, messi al bando Musatti e Zavattini, esautorata una pernacchia di Gassman, disconosciuto Franco Maresco, bruciati addirittura filmati di don Milani e Pasolini”. Repubblica cita solo alcune delle centinaia di casi, tentati e riusciti più o meno, in cui si è parlato di censura che hanno contraddistinto la storia della Rai.

Rai

GRILLO, BIAGI, SANTORO E LUTTAZZI

Gli episodi in cui la Rai fu accusata di censura sono tanti. Il quotidiano romano ricorda ad esempio la Democrazia cristiana e i tentativi di censurare i discorsi sul sesso, oppure Bettino Craxi e i craxiani che tentarono di censurare Beppe Grillo ed Enzo Biagi.

Più avanti nel tempo, Repubblica ricorda Silvio Berlusconi che fece il cosiddetto editto bulgaro sempre contro Biagi, estendendolo anche a Michele Santoro e Daniele Luttazzi, “cercando di silenziare i suoi scandali sporcaccioni”.

MATTEO RENZI ED ELETTRA LAMBORGHINI

Renzi, che “voleva tanto liberare la Rai dai partiti” – scrive Repubblica – “finì per censurare” un certo numero di giornalisti che non parlavano bene del suo governo.

Viene ricordata anche una sequenza censurata in cui Elettra Lamborghini faceva lezioni di twerking a Loredana Bertè.

COME FUNZIONA LA RAI

La Rai è una società per azioni quasi interamente controllata dal ministero dell’Economia e finanziata dai cittadini con il canone. Nel 2010, 1 miliardo e mezzo di euro. In Rai la guida è in mano al Cda, composto da un presidente (Marcello Foa) e da otto membri, che nominano il direttore generale (Fabrizio Salini), i direttori di rete e dei TG.

A nominare il Cda sono organi politici: il Parlamento tramite le commissioni vigilanza (che sceglie 7 consiglieri) e il governo, tramite il Mef, che nomina l’altro consigliere e il presidente.

Molto diverso da ciò che avviene in Paesi dove le nomine avvengono con bandi pubblici e i CV tutti sempre trasparenti online, come nel caso della BBC.

Leggi anche: Ddl Zan | Chi è Ilaria Capitani, al telefono con Fedez

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore