Fact Checking

Vaccinazioni in Italia, ecco le Regioni più brave e quelle più lente

vaccinazioni in azienda

Tra carenza di personale e di siringhe il piano vaccini anti Covid in Italia prosegue. Bene Lazio, Veneto e Piemonte. A rilento le vaccinazioni in Molise, Sardegna e Valle d’Aosta. Polemiche in Lombardia ed Emilia Romagna

Dal V-day è trascorsa poco più di una settimana e il report online del Commissario straordinario per l’emergenza sanitaria, Domenico Arcuri, mostra con dati aggiornati alle ore 12:43 del 4 gennaio come sta andando il piano vaccini in Italia.

I NUMERI

La prima tranche di 9.750 dosi, consegnate nel Vax Day, il 27 dicembre, che ha dato l’avvio alle vaccinazioni in tutta Europa, è stata interamente somministrata. Dal 30 dicembre al 1° gennaio sono poi state consegnate altre 469.950 dosi, di cui 118.713 già somministrate.

A CHI È STATO SOMMINISTRATO IL VACCINO

Delle 118.713 dosi di vaccino anti Covid, 71.222 sono state somministrate a donne e 47.491 a uomini. La fascia d’età che ha ricevuto più dosi è 50-59 anni (33.755 vaccinazioni), segue la fascia 40-49 (27.356) e, infine, quella 30-39 (20.808). La maggior parte delle vaccinazioni ha interessato operatori sanitari e socio-sanitari (105.870), personale non sanitario (6.182) e anziani ospiti delle Rsa (6.661).

LE REGIONI

La regione che al momento ha somministrato il maggior numero di dosi è il Lazio (22.314), quasi la metà di quelle ricevute (48,7%). Al secondo e terzo posto si posizionano rispettivamente il Veneto con 15.776 dosi su 38.900 e il Piemonte con 12.685 su 40.885.

Fanalino di coda, invece, per la Valle d’Aosta ferma a 44 somministrazioni. Poco sopra troviamo il Molise (50 dosi delle 2.975 ricevute) e la Sardegna che finora ha utilizzato solo il 3% delle dosi ricevute.

Dati aggiornati alle 12:43 del 4 gennaio

LE POLEMICHE IN LOMBARDIA ED EMILIA ROMAGNA

Anche la Lombardia per adesso supera di poco il 3%, sono state infatti iniettate solo 3.126 dosi su 80.595. Giulio Gallera, assessore al Welfare della Regione ha risposto agli attacchi delle opposizioni: “Polemiche pretestuose. La campagna parte il 4 gennaio con 10 mila dosi al giorno, quota che potrà essere successivamente incrementata fino a 15 mila”. La Lega però si è dissociata dall’assessore.

Leggi anche: Gallera, assessore alle gaffe. Tutte le sparate che rischiano di costargli il posto

Polemiche non solo nella regione del governatore Attilio Fontana, ma anche in Emilia-Romagna, dove sono state somministrate 8.254 dosi su 43.875. Il presidente della regione e della Conferenza delle regioni Stefano Bonaccini ha commentato: “Mi metterei a guardare tra qualche giorno e qualche settimana, non minuto per minuto”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore