Insider

Come gestire lo smart working nel post Covid. La guida per le imprese

smart working imprese

I sei passi utili alle imprese per garantirsi rendimenti, continuità operativa, protezione asset e mitigazione di rischi tra smart working e remote working. Cosa dice il vademecum realizzato dal broker assicurativo italiano indipendente Mansutti

Tra dicembre e la prima metà di gennaio, il broker assicurativo indipendente Mansutti ha realizzato un’indagine sulla gestione dello smart working da parte delle imprese italiane ed è emerso l’identikit dell’azienda media che da quasi un anno a questa parte si trova di fronte alla necessità di riorganizzarsi internamente con nuove modalità di lavoro e di interconnessione.

Dallo studio svolto su un campione rappresentativo di oltre 30 imprese è seguita la realizzazione di un vero e proprio vademecum fatto di sei step utili alle imprese per garantirsi rendimenti, continuità operativa, protezione asset e mitigazione di rischi – e imprevisti – in regime di smart working prolungato e nel passaggio da remote working al ritorno in ufficio, per facilitare la transizione verso la “nuova normalità”. A questo si aggiunge la nascita del progetto di alleanza Workegg.

LA GUIDA PER LO SMART WORKING

Ecco i sei punti del vademecum stilato dalla società:

  1. Verifica della contrattualistica assicurativa in atto; mappatura e trasferimento dei rischi;
  2. Negoziazione e redazione di accordi di smart working collettivi e individuali;
  3. Assessment e implementazioni in ambito data protection e cybersecurity;
  4. Analisi degli spazi e relative destinazioni d’uso per produrre proposte progettuali inerenti lo smart working;
  5. Elaborazione di un Business Continuity Plan (BCP) strutturato da aggiornare ogni anno affinché l’impresa si prepari per gestire e affrontare futuri incidenti che possono minacciare le proprie funzioni vitali;
  6. Coordinamento di tutte le attività dedicate ai lavoratori: formazione, comunicazione interna ed esterna, azioni di change management per realizzare e supportare l’evoluzione culturale e organizzativa aziendale.

smart working

COS’È WORKEGG

Per far fronte a tutte le diverse complessità, Mansutti, insieme a partner e professionisti esperti di consulenza legale, cybersecurity, architettonica, tecnologica e manageriale, ha dato vita al progetto di alleanza Workegg. Il suo obiettivo è fornire un servizio di smart change management.

COSA È STATO FATTO FINORA PER LO SMART WORKING

Secondo l’indagine svolta, sulle aziende prese in considerazione il 77% ha dotato i propri dipendenti di strumenti idonei per svolgere l’attività lavorativa da casa; quasi un quarto delle aziende ha verificato gli spazi di lavoro, la connessione di rete e ha avviato attività di formazione tecnica e comportamentale.

Leggi anche: Lo smart working non è la soluzione

COSA NON È STATO FATTO FINORA PER LO SMART WORKING

Esiste la consapevolezza generale del pericolo a cui è esposta la sicurezza dei dati aziendali, ma solo il 36% delle aziende è ricorso all’implementazione di misure di protezione idonee.

SVANTAGGI DELLO SMART WORKING

La maggioranza (56,7%) considera il lavoro da casa più uno svantaggio che un vantaggio, i titolari di azienda ritengono che la flessibilità lavorativa abbia infatti determinato maggiori carichi di lavoro.

Tra i dati rilevati, il 60% delle aziende, di cui in gran parte con un fatturato di oltre 10 milioni di euro e con più di 50 dipendenti, nel post-covid continuerà ad utilizzare questo strumento in percentuali non superiori al 20% della forza lavoro.

Leggi anche: Crisi Covid, per i pubblici esercizi va allentato lo smart working. L’allarme di Fipe

IL CONFINE LAVORATIVO-PERSONALE

Ad oggi la conoscenza su come contrattualizzare lo smart working non è sufficientemente adeguata, il 50% dei titolari di impresa ha affermato infatti di non disporre di informazioni chiare e precise su forme e modalità attraverso cui regolarizzarlo.

Il confine lavorativo-personale, diventato più labile con lo smart working, ha evidenziato nuovi casi di infortuni che potrebbero non essere coperti dall’Inail: va verificata la definizione di eventuali polizze a copertura del solo rischio professionale per la concreta sovrapposizione del rischio da infortunio domestico a quello lavorativo.

Infine eseguire un check della clausola di definizione della copertura professionale ed extraprofessionale nelle polizze infortuni e quella di assicurato nella copertura di responsabilità verso i prestatori di lavoro può fare la differenza.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore