skip to Main Content

Cos’è e come funzionerà l’assegno unico e universale

Assegno Unico Universale

L’assegno unico e universale non si sostituirà al bonus nido e agli aiuti per i figli disabili e per le giovani madri under 21, ma prenderà il posto degli assegni per le famiglie numerose erogati dai Comuni, bonus bebé e premio alla nascita 

In vista della riforma fiscale, il governo di Mario Draghi, per portarsi a casa i soldi del Next Generation Eu, non intende solo riordinare le imposte, ma anche sgravi e benefici, che oggi rappresentano una giungla equivalente a quella della tassazione, che fa uscire dalle casse dell’erario più di quanto dovuto.

Leggi anche: Cos’è e come funziona l’Assegno temporaneo per figli minori

Ecco perché a partire dal prossimo anno i contribuenti che percepivano detrazioni fiscali di vario tipo e assegni al nucleo familiare, bonus bebè e incentivi comunali potranno ottenere una unica prestazione sociale il cui importo si baserà unicamente sul reddito ISEE (Situazione Economica Equivalente). Sono considerati a carico tutti i familiari con reddito inferiore a 2.840,51 euro e solo per i figli di età inferiore a 24 anni il limite è elevato a 4 mila euro. Per i maggiorenni in ogni caso l’assegno unico sarà di importo ridotto fino a 21 anni con l’obbligo di essere inseriti in percorsi di formazione, avviamento al lavoro o liste di collocamento.

A CHI SPETTA L’ASSEGNO UNICO E UNIVERSALE

Potranno fare anzitutto domanda coloro che, al netto del patrimonio indicato nel proprio ISEE (l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente, indicatore che serve a valutare e confrontare la situazione economica delle famiglie, calcolato come rapporto tra l’Indicatore della Situazione Economica e il parametro desunto dalla scala di equivalenza di seguito riportata con le maggiorazioni previste) sono al di sotto della soglia dei 15 mila euro annui.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza, così potrebbe cambiare sotto Draghi

L’importo dell’assegno unico e universale dovrebbe aggirarsi tra i 170 e i 180 euro a figlio, 250 euro dal terzo figlio in poi. Per le famiglie che dovessero superare i 40 mila euro di reddito ISEE gli aiuti si aggireranno tra i  40 e i 50 euro a figlio a carico.

Previsto inoltre all’interno della legge delega una misura finalizzata a non disincentivare il lavoro di uno dei coniugi, solitamente la madre: per i figli under 21 ci sarà una maggiorazione per il secondo percettore di reddito di circa 30 euro, da aggiungere all’assegno unico e universale delle famiglie con due genitori dipendenti. L’assegno unico e universale non si sostituirà al bonus nido e agli aiuti per i figli disabili e per le giovani madri under 21, ma prenderà il posto degli assegni per le famiglie numerose erogati dai Comuni, bonus bebé e premio alla nascita.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore