Insider

Dal MEF al Campidoglio, Roberto Gualtieri candidato PD a Roma

Roberto Gualtieri Roma

Amministrative 2021, a Roma M5S e PD saranno avversari: i dem schierano l’ex ministro dell’Economia del Conte 2 Gualtieri

Non si è trovata la quadra tra Movimento 5 Stelle, che per Roma schiera ancora Virginia Raggi e Partito Democratico. Nonostante tra i due partiti si provi a costruire una alleanza forte per non far cessare il rapporto di collaborazione alla base del Conte bis, si sfideranno durante le prossime amministrative che avranno luogo, epidemia permettendo, in ottobre. E proprio dal Conte bis arriva il candidato sindaco dei dem, Roberto Gualtieri, che correrà per la piazza più ambita: Roma.

Leggi anche: Amministrative 2021, ecco Regioni e Comuni interessati dallo slittamento causa Covid

Strategica la scelta del PD: laddove i dem arrivassero al ballottaggio con un partito di centrodestra, Giuseppe Conte potrebbe spendere facilmente e senza troppi imbarazzi parole di stima per il suo ex titolare delle finanze pubbliche così da far confluire sul candidato democratico i voti dell’elettorato pentastellato.

Curriculum vitae di Roberto Gualtieri

Segue il cv di Roberto Gualtieri

Curriculum vitae di Roberto Gualtieri
Professione:
2012- Professore Associato in Storia Contemporanea, Università di Roma La Sapienza;
2000-2012: Ricercatore in Storia Contemporanea, Università di Roma La Sapienza;
Formazione:
1992 Laurea in Lettere (Storia Contemporanea) presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’ Università di Roma
“La Sapienza”, voto 110 e lode;
1997 dottorato di ricerca in Scienze Storiche, tesi su Commercio estero e sviluppo. La politica commerciale
e valutaria italiana e l’integrazione europea;
Funzionisvolte nelle istituzioni dell’UE:
2009-2014: membro del Parlamento Europeo;
2014-2019: Presidente della Commissione per i Problemi Economici e Monetari del Parlamento Europeo;
2014-2019: Presidente del Banking Union Working Group del Parlamento Europeo;
2015-2019: Presidente del Financial Assistance Working Group del Parlamento Europeo;
2016-2019: Membro del Brexit Steering Group e sherpa del Parlamento europeoper le negoziazioni sulla Brexit;
2011-2014 : coordinatore del gruppo S&D nella Commissione per gli Affari Costituzionali;
2009-2011: coordinatore del gruppo S&D nella Sottocommissione Sicurezza e Difesa;
2010: membro del team negoziale del Parlamento europeo per la creazione del Servizio Europeo per 1’ Azione
Esterna;
2011: membro del team negoziale del Parlamento europeo per il Fiscal Compact;
2012-2014: membro del gruppo di lavoro presieduto da Herman Van Rompuy per la Riforma dell’Unione
Economica e Monetaria;
Attività politica
2008- membro della Direzione nazionale del Partito democratico (tranne gli anni 2017-2018);
2005-2007: membro del consiglio nazionale dei Democratici di sinistra;
Membro della commissione che ha redatto il Manifesto peril Partito democratico (2006-2007);
2001-2006: membro della segreteria di Roma del Democratici di Sinistra;
Altre attività
2016- membro del Comitato dei Garanti della Fondazione Istituto Gramsci;
2001-2016: Vicedirettore della Fondazione Istituto Gramsci;
2009-2014: membro del comitato di redazione di Italiani europei
2008-2012: direttore (con José Luis Rhi-Sausi) del “Rapporto annuale sull’integrazione europea” (Il Mulino);
editorialista e collaboratore di diversi quotidiani e riviste;
Pubblicazioni scelte
-Prove di Europa unita. Le istituzioni Europee difronte alla crisi (con Giuliano Amato, a cura di),
Firenze, Passigli, 2013;
-La difesa comune dopoil Trattato di Lisbona (con José Rhi-Sausi, a cura di), Bologna, Il Mulino,
2011;
-I{futuro del Mediterraneo e il ruolo dell’Europa, (con José Rhi-Sausi, a cura di), Bologna,Il
Mulino, 2010;
-L’Europa e la Russia a vent’anni dall’89, (con José Rhi-Sausi, a cura di), Bologna, Il Mulino,
2010;
-L’Unione Europea e il governo della globalizzazione, (con José Rhi-Sausi, a cura di), Bologna,Il
Mulino, 2009;
-Per una moderna democrazia europea: l’Italia e la sfida delle riforme istituzionali (con Franco
Bassanini, a cura di), Firenze, Passigli, 2009;
-Le relazioni internazionali, Marx e la “filosofia della praxis” in Gramsci, “Studi Storici”, n. 4,
2007, pp. 1009-1058;
-I{ profilo culturale e programmatico del Partito democratico, relazione al Convegno di Orvieto, 6
ottobre 2006;
-L’’Italia dal 1943 al 1992. Dce Pcinella storia della Repubblica, Roma, Carocci, 2006;
-Da Londra a Berlino. Le relazioni economiche dell’Italia, l’autarchia e il Patto d’acciaio (1933-
1940), “Studi Storici”, vol 3, 2005, pp. 625-659;
-The Italian Political System and Détente, in “Journal of Modern Italian Studies”, n. 4, 2004, pp. 5-
42,
-De Gasperi e l’Europa, in A. De Gasperi, Scritti sull’Europa, a cura di R. Gualtieri, Roma, Nie,
2004;
-Introduzione alla Storia contemporanea. L’Europa nel mondo del XXsecolo, Roma, Carocci,
2001;
-Piano Marshall commercio estero e sviluppo in Italia. Alle origini dell’europeismo centrista,
“Studi Storici”, n. 3, 2008, pp. 853-897;
-Togliatti e la politica estera italiana, dalla Resistenza al Trattato di pace, 1943-1947, Roma
Editori Riuniti, 1995;
Lingue straniere(comprensione/produzione)
Inglese (C2/C1), Portoghese (B2/A2), Francese (B2/A2), Tedesco (B1/A1)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore