[hfcm id="2"]
skip to Main Content

Fials: scudo penale per medici e infermieri atto di civiltà

Medici Guarigione Specializzandi Ospedali Pubblici Vaccini Ai Medici Scudo Penale Aibibank GREEN PASS 12 MESI

Passa l’emendamento sullo scudo penale a tutela di medici e infermieri. Esulta la Fials: «L’approvazione è un atto di civiltà e riconosce il valore dei professionisti in prima linea»

«L’approvazione dell’emendamento sullo scudo penale a medici e infermieri è un atto di civiltà e riconosce il valore dei professionisti in prima linea». È il commento di Giuseppe Carbone, segretario generale della Fials (il sindacato Federazione Italiana Autonomie Locali e Sanità), alla notizia dell’approvazione dello scudo penale per i professionisti sanitari contenuto nel dl Covid (Dl n. 44/2021) promosso dal Senato in prima lettura. Il provvedimento nel suo insieme ha avuto 144 voti favorevoli, 25 contrari e 3 astensioni e dovrà passare alla Camera per l’ok alla conversione in legge (c’è tempo fino al primo giugno).

Leggi anche: Covid, perché in Italia la mortalità è così alta?

Lo «scudo penale non vuol dire nascondere misfatti – precisa Carbone- ma dare valore a ciò che è stato fatto in nome dell’articolo 32 della Costituzione, a garanzia del diritto alla salute di tutti i cittadini». «I professionisti sanitari hanno fronteggiato a mani nude il virus sin dalle prime ore, resistendo lunghissimi mesi in prima linea con spirito di sacrificio e innegabile coraggio. Accogliamo con favore questo segnale di civiltà della politica, che stavolta è riuscita ad essere dalla parte giusta, dalla parte di lavoratori che, nonostante gravi carenze gestionali e organizzative, hanno saputo sostenere sulle loro spalle il Ssn», conclude.

COS’ È LO SCUDO PENALE PER MEDICI E INFERMIERI

Ai fini della valutazione del grado della colpa, si legge nell’emendamento, ”il giudice tiene conto, tra i fattori che ne possono escludere la gravità, della limitatezza delle conoscenze scientifiche al momento del fatto sulle patologie da SARS-Cov-2 e sulle terapie appropriate, nonché della scarsità delle risorse umane e materiali concretamente disponibili in relazione al numero dei casi da trattare, oltre che del minor grado di esperienza e conoscenze tecniche possedute dal personale non specializzato impiegato per far fronte all’emergenza”.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore