skip to Main Content

Bologna, quelle epurazioni PD all’ombra delle torri

Bologna Pd Roberto Grandi

Spaccatura forse insanabile nel PD di Bologna, i sostenitori della candidata renziana vengono esclusi dalla lista del partito

Si litiga, nella Bologna di Romano Prodi, in vista delle elezioni. Si litiga e non solo, tra le file del PD, dove pare siano ammessi anche i colpi bassi, quelli sotto la cintola. “Oggi, per la prima volta nella storia della nostra città, la dirigenza del PD cittadino decide di comporre la lista a maggioranza, rinunciando ad essere plurale”, è lo sfogo – denuncia che il dem Alberto Aitini, assessore alla Sicurezza, appresa l’ufficialità della sua esclusione dalla lista del Pd, assieme alla collega Virginia Gieri, affida alla propria pagina Facebook.

“Il punto – prosegue Aitini – non sono i posti in Consiglio Comunale come qualcuno ha provato a dire, tentando di mercanteggiarli in questi giorni per mettere a tacere il problema, il punto è che si è deciso deliberatamente di escludere i rappresentanti di una proposta politica che esiste ed è radicata nel PD così come nella comunità bolognese, persone che hanno lavorato in questi anni al servizio dei cittadini con professionalità, impegno, rigore morale, ottenendo risultati ampiamente riconosciuti e apprezzati”.

La loro colpa è essersi smarcati dalla linea ufficiale del partito che propone Matteo Lepore (qui per saperne di più in merito) e aver deciso di appoggiare a oltranza Isabella Conti, 39 anni, sindaca di San Lazzaro di Savena. Una personalità di tutto rispetto, se non fosse che è uscita dal Pd per passare a Italia viva e che il suo nome l’ha fatto proprio Matteo Renzi, più per spaccare i dem che per ottenere una candidatura certa. E a quanto pare il suo piano sta già funzionando.

Da quando è stato avanzato dall’ex premier il nome di Conti, si è parlato continuamente di rischi di epurazione, con tanto di ricorsi per colpire i dem infedeli, che ora chiedono un intervento dalla segreteria nazionale. Curioso, dal momento che tre anni fa erano invece i dem ad accusare la parte renziana di silenziare ogni dissenso interno. “È una scelta antidemocratica e storica – spiega sempre Aitini al Corsera -, perché a Bologna non era mai successa una cosa del genere. Penso che i dirigenti del Pd non abbiano davvero voluto trovare un giusto equilibrio per rappresentare tutte le anime, le idee e la pluralità del partito. Ma hanno deciso di epurare una parte delle persone”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore