Italia

Burioni parla ancora, per lamentarsi dei giornalisti

burioni

Ecco cosa è successo a Roberto Burioni e chi è la giornalista che si è presentata sotto falso nome a casa del virologo

Il più famoso virologo della televisione italiana, Roberto Burioni, ha raccontato quanto accaduto in un post su Facebook. Ecco chi è la giornalista del programma tv di Mario Giordano Fuori dal coro, Angela Camuso, che si è presentata sotto falso nome a casa del virologo.

COSA È SUCCESSO

“Nella mattina del sabato di Pasqua una sconosciuta, si presenta, qualificandosi con un nome falso (Francesca Giovannini), a Fermignano (il paese dove sono cresciuto e dove torno in vacanza) a casa di mia suocera, dove sono mia moglie e mia figlia. Dice a mia moglie di essere una mia vecchia amica e di volermi incontrare per salutarmi. Mia moglie mi chiama e io le dico di non avere nessuna amica con quel nome.

La sconosciuta, insieme a un altro tipo, rimane davanti a casa di mia suocera (o negli immediati dintorni) fino alle 18. In tempi di fanatici no-vax che tirano molotov e che non mancano ogni giorno di minacciarmi (tanto da farmi avere una sorveglianza da parte delle forze dell’ordine) ovviamente ci siamo tutti molto preoccupati che fossero dei malintenzionati, in particolare mia figlia che ha 10 anni che si è terrorizzata”, ha scritto Burioni.

LA SPIEGAZIONE DEL MISTERO

“Il giorno dopo, ovvero ieri, il mistero si svela. Ricevo dalla sconosciuta, che questa volta si presenta con il suo nome vero [Angela Camuso, ndr], un messaggio sul cellulare”, ha poi aggiunto il virologo. “Vuole un’intervista, mi fa alcune domande e si svolge via Whatsapp la conversazione che leggete qui sotto, che include pure i reciproci auguri di buona Pasqua”.

“Io ora mi chiedo – conclude Burioni – è questo il modo di fare giornalismo, presentandosi con un nome falso dai familiari di una persona, ovviamente per estorcergli un’intervista contro la sua volontà e facendo preoccupare i suoi cari, tra i quali una bambina di 10 anni ? Non era meglio mandarmelo prima l’sms evitando a me e alla mia famiglia una legittima quanto inutile preoccupazione?”.

CHI È ANGELA CAMUSO

Angela Camuso è una giornalista d’inchiesta – o “d’assalto”, come si legge sul suo sito – per tv e carta stampata, oltre che scrittrice. Nata a Bergamo, dall’età di 18 anni vive a Roma, dove ha conseguito presso l’università La Sapienza la Laurea in Scienze della Comunicazione. Durante gli anni dell’università ha lavorato come fotomodella e show girl e negli anni ’94-95 è stata una delle ragazze di Non è la Rai.

È iscritta all’ordine dei giornalisti professionisti dal 2001. Camuso ha vinto nel novembre 2015 il premio Piersanti Mattarella con il suo best seller Mai ci fu pietà – La banda della Magliana dal 1977 a mafia capitale.

Scrive per Panorama, Il Fatto Quotidiano, L’Espresso e Fanpage. Attualmente è anche inviata di cronaca per Mediaset.

COSA DICONO DI LEI

Giuseppe Giulietti, presidente della Federazione Nazionale della stampa Italiana (Fnsi) ha definito Camuso una “cronista coraggiosa, abituata a illuminare le oscurità che inquinano la convivenza civile”.

Massimo Martinelli de Il Messaggero la definisce “una giornalista incontrollabile, ingestibile, forse scomoda, comunque una che lavora e che ogni caporedattore vorrebbe avere al suo servizio” e Gianluigi Nuzzi, suo collega di Mediaset, dice che “ama le notizie, le cerca, si perde in essa perché ha il piglio e la volontà di trovarne le origini: è la classica collega che torna in redazione con il sorcio in bocca”.

Leggi anche: Vaccini, la timeline italiana per uscire dalla crisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore