Italia

Che cosa succede tra Pd e M5S?

Pd

I Graffi di Damato su timori e crisi di nervi fra M5s per il protagonismo del Pd

Se non è stata crisi di nervi sotto le cinque stelle grilline, poco c’è mancato dopo la scoppola delle elezioni suppletive a Roma “centro”, dove i 19 mila voti del 4 marzo 2018, pari al 16,79 per cento degli elettori presentatisi allora alle urne, sono diventati l’altro ieri soltanto 1422 – pari al 4,36 per cento dei 32.880 votanti su 186 mila — alla candidata alla Camera Rossella Rendina. Che molto probabilmente non ha potuto contare neppure sul voto del presidente del Consiglio di designazione grillina Giuseppe Conte, sensibile — a dir poco — alla candidatura del suo ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, del Pd di Nicola Zingaretti. Il quale ne ha festeggiato l’elezione come una Pasqua fuori stagione, essendo appena entrati nella Quaresima.

L’INCONTRO PRESIEDUTO DA ZINGARETTI NELLA SEDE PD

Forte anche di questo risultato, che per il sollievo procuratogli  è stato per lui un po’ come per il Papa raffreddato l’esito negativo della prova del tampone che gli hanno prudentemente praticata, Zingaretti ha presieduto con baldanza nella sede del suo partito  il già programmato incontro con le cosiddette parti sociali.  Esso è servito, peraltro con la partecipazione anche di Gualtieri e del capo della delegazione del Pd al governo Dario Franceschini, a fare il punto provvisorio della crisi economica aggravata dagli effetti del coronavirus e a mettere su tappeto gli interventi necessari a fronteggiarla.

POCO APPREZZATO DAL M5S

Per quanto — ripeto — già programmata in anticipo rispetto ad un incontro analogo preventivato a Palazzo Chigi dal presidente del Consiglio, l’iniziativa di Zingaretti non è per niente piaciuta al Movimento 5 Stelle. Dove l’hanno esplicitamente paragonata alle riunioni che soleva promuovere al Viminale l’allora vice presidente del Consiglio e ministro dell’Interno Matteo Salvini procurandosi le riserve o proteste dei grillini, appunto, e di Conte in persona. Che poi le rinfacciò nell’aula del Senato, con altre cose ancora, a Salvini in persona quando lo trattò, da ministro ancora in carica, come imputato in una specie di  processo per indisciplina e slealtà propedeutico alla crisi di governo e al cambiamento di maggioranza.

COME HA REAGITO CONTE

Questa volta, a dire la verità, e diversamente dai grillini, Conte non se l’è presa per niente con Zingaretti. Se n’è sentito anzi aiutato, piuttosto che scavalcato, deludendo e insospettendo i pentastellati, o almeno il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ed ex capo del movimento e della relativa delegazione al governo. Che sembra essersene personalmente doluto col reggente Vito Crimi condividendo — credo — la rappresentazione dell’incontro di Zingaretti con le parti sociali offerta dal  Fatto Quotidiano ai lettori con questo titolo: “L’attivismo di Zinga per guidare il governo”.

Oltre che il malumore per il crescente peso del Pd e del suo segretario in una coalizione  la cui componente maggiore rimane per consistenza parlamentare quella delle 5 Stelle, è cresciuta fra i grillini dopo la miserevole figura nelle elezioni suppletive di Roma e il crescente protagonismo di Zingaretti la preoccupazione per la sempre più indefinita scadenza chiarificatrice dei cosiddetti Stati Generali. Che dovrebbero essere quello che per gli altri partiti è un congresso, già programmato per metà marzo, come le infauste idi di Giulio Cesare del 44 avanti Cristo, e rinviato non si sa ancora a quando per la sopraggiunta scadenza, anch’essa peraltro suscettibile di slittamento, del referendum confermativo sul taglio di 345 seggi parlamentari, fra Camera e Senato.

 

TUTTI I GRAFFI DI DAMATO

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore

Articoli correlati

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Policy Maker

Errore