skip to Main Content

Chi è Giovanni Toti, dal giornalismo alla politica

Toti

Il presidente della Regione Liguria Toti è stato arrestato per corruzione. Si trova ai domiciliari. Ecco il suo profilo

Alle tre di notte le pattuglie della Guardia di Finanza sono entrate in azione all’Hotel Lolli di Sanremo, dove stava pernottando Giovanni Toti arrestato – insieme ad altri – nell’ambito di una inchiesta della Dda genovese e della guardia di finanza. L’accusa per il presidente della Regione Liguria è di corruzione, previsti per lui i domiciliari.

Toti – come scrive il Secolo XIX – “aveva raggiunto la città dei fiori in vista di una conferenza stampa fissata con l’amico Flavio Briatore questa mattina a Ventimiglia e per l’inaugurazione del pronto soccorso dell’ospedale di Bordighera nel primo pomeriggio. L’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari gli è stata notificata dai finanzieri nella camera d’albergo e poi sono iniziate le procedure per il rientro nel capoluogo secondo le disposizioni dell’autorità giudiziaria”.

CHI E’ GIOVANNI TOTI

Toti è nato a Viareggio il 7 settembre 1968. Risiede dal 2001 a Bocca di Magra, frazione di Ameglia, in provincia di La Spezia. Figlio di un albergatore, ha compiuto i suoi studi alla facoltà di Scienze Politiche presso l’Università di Milano. Giornalista professionista dal 1999, iscritto all’albo dei professionisti della Lombardia, è sposato con la giornalista Siria Magri. Nel 1996 il primo contratto di stage con Mediaset per Studio Aperto, dove diventa in seguito caposervizio e caporedattore.

Nel 2006 comincia a collaborare a Videonews. Per due anni è vicedirettore generale della comunicazione di Mediaset spa. Nel 2010 diventa direttore di Studio Aperto e successivamente anche del Tg4.

IL PROFILO POLITICO

Quando entra in politica, sceglie Silvio Berlusconi. Ad aprile 2014 è candidato per Forza Italia alle elezioni europee nella circoscrizione Italia Nord Occidentale, ottenendo più di 148mila preferenze e diventando così europarlamentare.

Scrive Repubblica: “Lui, il quid ce l’aveva. E in una delle sue frequenti folgorazioni, Giovanni Toti salì con un solo balzo quasi l’intera scala gerarchica di Forza Italia, rimpiazzando Angelino Alfano. Dritto dritto sulla poltrona al fianco di Silvio Berlusconi: consigliere politico del partito in vista delle elezioni. Era il gennaio del 2014, una vigilia delle Europee esattamente come adesso”.

Candidato nel 2015 alle Regionali in Liguria, vince con il 34,44% dei voti e dall’11 giugno è proclamato presidente della Regione. Berlusconi disse che per lui fu un sacrificio cedere il suo consigliere politico per la corsa alla presidenza della Regione Liguria. In seguito al crollo del ponte Morandi a Genova, avvenuto il 14 agosto 2018, viene nominato dal governo commissario delegato per l’Emergenza. Il 7 agosto 2019 lascia Forza Italia e lancia ‘Cambiamo!’, il suo nuovo partito con il sindaco di Venezia Brugnaro. Nel 2020 si ricandida a presidente della Regione Liguria e il 21 settembre viene rieletto con il 56% delle preferenze. Nel 2023 avvia con Maurizio Lupi il cantiere unitario di Noi Moderati, il partito che si presenta alle elezioni Europee dell’8 e 9 giugno alleato con Forza Italia.

Leggi anche: Attacchi cyber in crescita, perché è allarme hacker in Italia

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Back To Top